Da Cuba tutta la verità su Escozul

NOTA DELLA REDAZIONE: L’articolo, presenta contenuti che sono da considerare obsoleti in seguito all’evolversi della situazione ed alcune novità introdotte. Vi preghiamo pertanto di fare riferimento al seguente link aggiornato: clicca qui   THIS IS CUBA DOSSIER: Tutta la verità sull’antitumorale Escozul



 

Escozul è la soluzione che sconfigge il cancro?


No, nel modo più assoluto. La proliferazione cellulare tipica della malattia, si manifesta in svariate modalità, località e con effetti e decorsi differenti. Non esiste e non esisterà mai una molecola con un attività farmacologica in grado di distruggere tutte le forme di cancro. Il progresso e lo sviluppo di svariate terapie saranno specifiche per ognuna di queste forme ed adattate a seconda del paziente, attraverso una attenta valutazione medica.

 

Cos’è Escozul quindi?


E’ un preparato di origine naturale che viene poi dispensato sotto forma di soluzione da diluire secondo le modalità indicate dall’oncologo, una volta valutate le condizioni del paziente. Il preparato viene distribuito per le sue proprietà terapeutiche. Il suo potere antinfiammatorio, analgesico e antitumorale (presunto) è utilizzato per migliorare la qualità della vita del paziente oncologico.

 

Come viene prodotto?


Escozul è un preparato naturale che viene ottenuto per lavorazione dell’estratto in soluzione acquosa della tossina del Rophalurus junceus.


In pratica è un veleno?


No, Escuzul non ha nessuna tossicità dimostrata anche se è proprio dalla tossina che viene ricavato. Il veleno della scorpione Rophalurus junceus, da cui si estrae l’Escozul, ha una DL50 (dose letale per il 50% della popolazione di cavie a cui viene somministrata in una sola volta) di 8 mg/kg, poco pericolosa rispetto alle altre specie.

 

Come si estrae la tossina?


Gli scorpioni catturati ed alimentati opportunamente rilasciano una piccola dose di veleno dietro stimolazione elettrica. Dopo una serie di estrazioni, vengono nuovamente rilasciati nel loro habitat naturale.

 

Come viene somministrato?


Generalmente la via di somministrazione è orale, sebbene possano essere utilizzate altre modalità per ottimizzare l’effetto dell’assorbimento del principio attivo. Tale assorbimento potrà anche vedere associata l’esigenza di modificare sensibilmente il proprio regime alimentare. La diluizione terapeutica il più delle volte risulta pari a 0,003 mg/l

 

Come deve essere conservato?


Il range di temperatura tra i 2 e gli 8 °C è quello consigliato, prima della diluizione. Questa modalità di conservazione permette al principio attivo di mantenere la propria efficacia sino alla data di scadenza.

E se il farmaco è scaduto?


L’assicurazione di qualità non garantisce che il farmaco mantenga le proprietà terapeutiche anche dopo la data di scadenza indicata. Pertanto sarà opportuno non assumere, come per ogni farmaco, la confezione scaduta.

 

E’ una novità?


No. E’ utilizzato a Cuba da lungo tempo. Era stato casualmente notato che chi era stato morso da Rophalurus junceus, o Scorpione azzurro (che in realtà è arancione), riscontrava dei benefici di rilievo in termini di dolori o stati infiammatori. Da qui un biologo di Guantanamo, il Dott. Misael Bordier ha scoperto le proprietà terapeutiche del veleno.

 

Da chi viene prodotto?


Escozul è preparato da Labiofam, una azienda statale cubana. E’ in tale sede che avviene la distribuzione del farmaco. LABIOFAM è la struttura autorizzata a produrlo dal Ministero della salute Pubblica di Cuba, dal Ministero della Scienza Tecnologia e dell’ambiente, dal Centro statale di controllo farmaceutico e dalla OCPI.

LABIOFAM E’ SITA IN: Avenida Independencia km. 16 1/2 Boyeros, Santiago de las Vegas Havana, Cuba

Telefono: +53 683 3188/683 2151.

Dra. Niudys Cruz Zamora Especialista  Grupo Médico LABIOFAM 684-9661   labiofam@ceniai.inf.cu

Orario per le chiamate: dalle 10 am alle 2 pm.

 

Come posso sapere se la mia cartella clinica prevede l’utilizzo del farmaco per evitare un viaggio a vuota a Cuba?


Si può chiamare il numero sopraindicato e parlare con un referente medico cui chiedere se è possibile sottoporre la propria cartella medica. Una volta ottenuta la risposta, se affermativa, si può procedere alla partenza.

 

Ma Labiofam non può spedirmi il farmaco?


No


Lo posso reperire anche altrove?


Purtroppo si. Molti sono i produttori artigianali – come segnala il governo cubano – del medicinale, ma no assicurano alcun standard qualitativo pertanto l’utilizzo può risultare estremamente dannoso per l’uomo.  Solo Labiofam assicura degli standard qualitativi elevati ed assicura la qualità del prodotto. Lo scorpione azzurro è una specie endemica di Cuba, uno dei paesi di maggior interesse mondiale per biodiversità. Lo scorpione si riproduce nella provincia orientale di Guantanamo e in quella occidentale di Matanzàs.

 

Il farmaco è sotto brevetto?


No, si tratta di una tossina naturale, pertanto non è possibile ottenere un brevetto. Questo può invece essere registrato se si riesce ad identificare, isolare, purificare e sintetizzare il prodotto. Ma il miscuglio proteico non è ancora stato completamente determinato e le ricerche in campo biotecnologico di Cuba e non, non sono ancora arrivati al raggiungimento dell’obiettivo.

 

Quanto costa?


Il preparato, Escozul, è gratuito.


Presenta tossicità?


Gli studi tossicologici effettuati non hanno mostrato reazioni avverse (AdR) associate. Non ha mostrato interferenza con altri trattamenti oncologici, bensì un miglioramento delle qualità della vita, attraverso i suoi effetti terapeutici.Gli studi sono stati fatti su oltre 70 mila pazienti, come comunicato dalla rivista cubana Granma nel 2003.

Qual è il percorso di studi effettuati?

Studio del veleno dello scorpione

Studi preclinici

In vitro:

attività antiproliferativa

attività antitumorale

Valutazione farmacotossicologica della tossina del Rophalurus junceus

Studi tossicologici

Studi farmacologici

Attività antiinfiammatoria

Attività analgesica

Valutazione clinica


Come mai tutto questo interesse per escozul?


Dal 2004 attraverso i vari forum in rete iniziano a circolare in rete le proprietà di questo medicinale naturale. Vengono anche realizzati alcuni articoli per riviste importanti che raccolgono i dati accumulati, tra cui anche i benefici in termini antinfiammatori e analgesici.

 

E le vendite che trovo in internet allora?


In qualsiasi forma si presenti la vendita di Escozul, il risultato non cambia: si tratta di una truffa.

 

Ma Escozul può definirsi un farmaco?


Gli studi effettuati su Escozul, se confrontati con l’iter che la FDA e l’EMEA richiedono ad una molecola per diventare farmaco, risultano insufficienti. Gli studi standard, divisi in quattro fasi, sono un vero e proprio percorso ad ostacoli per le aziende farmaceutiche.

Per rendere l’idea solo una molecola ogni 10000 d’iniziale interesse farmacologico riesce a diventare farmaco. Tutte le altre vengono scartate in qualche fase di queste tappe obbligate, per un percorso di circa 12-15 anni. In tali fasi si verifica dapprima la dose letale, poi terapeutica su almeno due specie animali, poi si passa ad un attento monitoraggio su volontari sani, stabilendo solo alla fine la reale efficacia.

Poiché alcune reazioni avverse da farmaco, si manifestano anche a distanza di molti anni dalla somministrazione, si capisce la difficoltà in questi casi di collegare la reazione avversa (che può essere da lieve a mortale), all’utilizzo anni prima del farmaco stesso. Ecco perché non solo è importante l’efficacia del farmaco, ma anche e soprattutto la sicurezza.

Non è poi detto che un farmaco innocuo al topo sia tale anche per l’uomo. Questo perché il metabolismo differisce tra i due organismi. Ecco perché si testa almeno su due specie animali con metabolismo tra loro differente. Il fine ultimo è sempre quello di preservare la vita umana e limitarne la sofferenza o drammi, come fu per la talidomide, farmaco che provocò la malformazione gravissima degli arti (amelia e focomelia) nei neonati delle madri che assumevano il farmaco.

Pertanto escozul non può considerarsi un vero e proprio farmaco e soprattutto non può essere registrato come tale nei paesi soggetti alla documentazione regolatoria di FDA ed EMEA o altre aziende regolatorie internazionali. Oltre agli studi ed al relativo dossier in linea con quanto richiesto per ottenere l’AIC (autorizzazione immissione in commercio), la produzione deve sottostare a precise regole GxP, che assicurano la qualità produttiva al fine di rendere minima la possibilità di difetti di fabbricazione.

 

Qual è l’opinione degli scienziati della comunità internazionale su tale prodotto?


Il farmaco non pare essere responsabile di effetti collaterali. Per questo motivo molti oncologi non vietano di associarlo alla terapia tradizionale, che va comunque proseguita, sempre secondo le indicazioni.

 

Quindi, per procurarmelo devo andare a Cuba?


Si, presso la sede Labiofam. Per il rilascio, è necessaria lo studio della storia clinica del paziente, che pertanto dovrà portare tutta la documentazione medica e tutti i vari esami effettuati atti a determinare lo stato attuale. Se il paziente presenta condizioni cliniche incompatibili con il viaggio, il farmaco potrà essere consegnato ai familiari stretti. In realtà si è visto che il farmaco viene consegnato anche ad amici o conoscenti che presentano la cartella clinica del paziente interessato, ma questa “abitudine” non è comunque presente tra le linee guida che regolano la consegna. Viste le modalità di conservazione è necessario portare con sé una borsa frigo, in modo da tenere refrigerato il farmaco.

 

Posso reperire il farmaco per più pazienti se vado a Cuba con le loro cartelle cliniche?


Ci sono pareri contrastanti al momento. Secondo il regolamento solo ai parenti stretti (oltre ovviamente allo stesso interessato) può essere consegnato il farmaco. Ma alla trasmissione televisive “Le Iene” e in molti casi è avvenuto il contrario. Cercheremo di fare chiarezza sulla questione, sentendo direttamente la Labiofam.

 

Sono previste altre informazioni da parte di ThisIsCuba.net?

 

 

Non risponderemo personalmente a quanto già specificato in questo approfondimento.


 

Articolo prodotto da Thisiscuba.net

Nessun contenuto medico è presente in questa raccolta di informazioni; i contenuti non vogliono sollecitare in alcun modo la sostituzione dello schema terapeutico dei pazienti, che devono sempre essere monitorati dal proprio oncologo. I contenuti sono riportati a solo scopo informativo.

 

 Abbonati Gratuitamente

Articoli Recenti

Condividi

Articolo scritto da:

L'autore, ama viaggiare, conoscere e condividere le mille e più sfaccettature della realtà. Racconto nella totale indipendenza, un mix di attualità, scienza, rispetto dell’ambiente, progresso e tradizioni. La mia penna va sempre e comunque per la propria strada.

(100) Readers Comments

  1. Per Sebastiano-Xumm sarei interessato al tuo viaggio a cuba per escozul, ma hai scritto male la tua mail non so come contattarti. la mia è fabio7613@libero.it

  2. Grazie a Luca S. per la risposta. La mia era un po’ una provocazione, permettimelo: penso che peggio di una malattia come quelle di cui si discute qui, ci sia solo distribuire “illusioni”, anche se capisco perfettamente che la speranza è sempre l’ultima…
    Agli altri: sarebbe meglio non chiamarlo “farmaco” dal momento che non lo è, e lo stesso Labiofar afferma non esserlo. Per non generare confusione.
    Per il resto, per noi, ormai è tutto superfluo, dal momento che la persona che poteva essere interessata non ce l’ha fatta.
    Auguro ad ognuno di voi e alle vostre persone care il meglio possibile.

  3. Mi spiace per coloro che hanno perso una persona care, mia madre è malata, adenocarcinoma inoperabile al pancreas, nella migliore delle ipotesi lascia circa 2 anni di vita, sono disperato, ma non per questo voglio perdere le speranze o ho bisogno di qualcuno che puntualizzi su parole come farmaco ufficiale, chi se ne frega! Io il tentativo lo voglio fare. Ah…Dimenticavo sono un biologo purtroppo so perfettamente di cosa si sta parlando, sia quando si parla di omeopatia, di farmaco e soprattutto di tumare, voglio raccontarvi una storia, VERA:”Siamo alla fine del ‘700 in piena epidemia di vaiolo, la categoria scientifica del tempo ha scoperto che chi ha avuto il vaiolo e non è deceduto rimane immune alle successive esposizioni, di conseguenza vienne introdotta la VAIOLAZIONE, un’antenato del vaccino, veniva fatto iniettando direttamente il materiale prelevato dalle pustole dei malati a persone sane, queste se non morivano(e quelle che morivano erano la maggior parte) si immunizzavano. Un giorno un certo Edward Janner scoprì che nelle mani dei mungitori si presentavano pustole simil vaiolo, ma le persono non erano malate, immaginò che quella dei bovini potesse essere una forma del patogeno attenuata e che poteva essere usata per l’immunizzazione con più sicurezza. Effettuo i suoi studi e scoprì che era proprio come pensave, era così convito dei suoi risultati che lo usò su suo figlio, il quale ovviamente si immunizzò. Ma la comunità scientifica e non non era ancora pronta non ci credettero, era troppo semplice, e poi usare qualcosa che provenisse da un animale per curare una persona era quasi blasfemo per l’epoca. Fattostà che il vaccino(NB la parola vaccino deriva proprio da qui, perchè estrapolata da bovino) di Janner venne adottato solo 100 anni più tardi. Con tutti i morti che ci sono stati nel mezzo!”.
    Con questo non voglio dire che ogni novità è buona ma che non sempre le cose sono come le si sono conosciute fino ad oggi. Quindi prima di ipotizzare che questa di escozul sia una falsa illusione…Verifichiamolo…Scusate la prolissità. Fabio

  4. Salve, anch’io come Fabio, ho mia madre malata di tumore al pancreas in fase metastatica, vorrei provare l’escozul ma sinceramente a tutt’oggi non ci sono notizie certe sulla possibilita’ di prelevare il farmaco.
    Vorrei sapere se innanzitutto lo danno ancora, poichè non ricordo dove avevo sentito che da inizio novembre non lo avrebbere piu’ dato a stranieri, speriamo che la notizia sia infondata e qualora lo fosse, vorrei sapere inoltre se è ancora possibile delegare altri a prelevare il farmaco.
    in pratica anche se dovessero darlo ad una sola persona per un familiare, e possibile che quella stessa persona possa andare li alla labiofam il giorno successivo per un’altro ritiro di un non familiare?
    Grazie

  5. CIAO A TUTTI, PARTO IL 6/11 DA MILANO ALLE 10.00 VOLO DIRETTO PER CUBA.
    SE QUALCUNO E’ INTERESSATO POSSIAMO ORGANIZZARE UN GRUPPO. ALBERTO. alannima@libero.it

  6. Ciao a tutti! Scrivo per chiedervi se qualcuno di voi ha sentito la notizia del tg1 in onda il 27 ottobre alle 20.00. Si diceva che ora Escozul è disponibile anche in Italia al costo di 900,00 euro. Qualcuno sa se è una notizia veritiera o una bufala? Nel suddetto servizio è stata anche trasmessa l’immagine di questo sito web. Per vederlo, basta scrivere in youtube “escozul tg1”. Vi sarei davvero grata se mi faceste sapere qualcosa.
    Buona serata.

  7. Per Sebastiano e Fabio, anch’io sto cercando di partire il prima possibile: prima contatterò la Labiofam e spedirò mail con cartella clinica, voglio essere sicuro di riportarlo questo medicinale.
    Se avete già date di paretenza e biglietti fatemi sapere.
    Saluti a tutti e complimenti a This is Cuba.
    Sandro

  8. Ciao Sandro, io ho dato la mia documentazione a sebastiano, che drebbe essere già a Cuba, appena ho notizie ti dico.

  9. Ciao a tutti,
    sono venuto a conoscienza Escozul solo da 1 giorno, le informazioni che sono riuscito ad ottenere in merito sono molto vaghe. Ho cercato di trovare testimonianze sull’uso del preparato da parte di nostri connazionali ma nella stramaggioranza dei casi ho trovato persone che testimoniavano una sperimentazione del farmaco solo di pochi giorni, se qualcuno è riuscito a trovare tetimonianze sull’utilizzo di Escozol per periodi che riguardino mesi sarei grato se li postasse.
    Nonostante le ovvie perplessità dalle poche info che ho trovato fin ora sono escluse controindicazioni importanti e al contrario sono in molti a dire che se nn altro Escozol aiuti ad umentare la qualità di vita dei panzienti.

    Quindi ho deciso che cmq vale la pena di tentare e sono intenzionato a partire il più presto possibile e per questo vi sarei grato se potessi avere il vostro aiuto.
    Devo recarmi lì x mia cugina(xme come una sorella)che ha 36 anni, tumore al rivestimento del midollo e metastasi alle ossa, la chemio terapia nn ha funzionato i medici l’hanno dimessa dall’ospedalei dandole pochi mesi, se Escozol può aiutarla in qualsiasi maniera x me è giusto tentare.

    Vorrei avere possibilmente queste informazioni:
    -1 ho letto che viene suggerito di inviare il sunto della cartella clinica alla Labiofarm prima di partire, ma da quanto ho capito il tipo di tumore che dobbiamo combattere è attualmente trattato con Escozol a cuba….
    -2 Se parto senza aver inviato prima il sunto alla Labiofar rischio tempi di attesa più lunghi per ottenere il farmaco?
    -3 E’ consigliabile richiedere un appuntamento per far valutare la cartella clinica a cuba? se danno appuntamenti i tempi degli stessi sono a breve?
    -4a Quanti giorni di permanenza a Cuba devo fare x assicurarmi di prendere Escozol senza ombra di dubbio?4b E quante giornate passerò effettivamente all’interno della struttura di Labiofar all’avana?Ci saranno dei tempi morti che posso pensare di spendere vedendo anche cuba?
    -5 Che visto devo richiedere?il turistico?
    -6 Oltre alla cartella clinica del paziente,il visto, la delega, ci sono altri documenti che devo portare?
    -7Visto che io nn sono parente di primo grado che tipo di delega mi occorre?ci sono dei moduli predefiniti che posso recuperare in rete?dove?
    -8 Ci sono delle case particular dove soggiornare che mi consigliate particolarmente?
    -9 avro pochi contanti con me ma in ogni caso dove mi consigliate di metterli al sicuro durante il soggiorno?
    -10a è vero che potrei aiutare qualcuno impegandomi a portare cartelle cliniche di persone che nn possono andare da sè?10b Se si, quante cartelle posso portare con me e mi costerà molto più tempo fare questo piacere?

    Vi ringrazio x l’attenzione sono sicuro che molte info potevo trovarle dasolo, ma molte sono vecchie e poi ho molta premura di partire ho già fatto la valigia attendo solo la risposta elle domande che vi ho posto x me partirei anche domani sera.Se qualcuno vuole viaggiare in compagnia lo faccio volentieri, se qualcuno che sia di Milano o dintorni vuole affidarmi una cartella clinica se posso lo aiuterò.
    Un abbraccio forte a tutti quelli che come me vivono l’incubo.
    Gianlu

  10. Luca (administrator)

    Rispondendo a Carmen: no, non servono visti particolari.

    Gianluca:
    capisco il poco tempo ma ti puoi stampare le informazioni anche presenti sul nostro sito nella pagina “speciale escozul” (http://thisiscuba.net/speciale-escozul/) che le raccoglie, e leggertele in volo.
    1) viene trattato ANCHE con Escozul, ma non SOLO CON.
    2) domanda che terremo per la Dott.ssa la prossima settimana. Al momento non sono in grado di risponderti.
    3) attualmente il tempo d’attesa non è superiore a qualche giorno.
    4) sui tempi nessuno può risponderti “senza ombra di dubbio”. Ognuno infatti ha trascorso poche ore, come qualche giorno. La cartella deve essere valutata dal medico e nessuno al di fuori dello stesso può assicurarti che ti verrà rilasciato il medicamento (al 99% si).
    5) turistico (ricordati di fare l’assicurazione sanitaria, che dal primo maggio 2010 è obbligatoria) http://thisiscuba.net/wikicuba/assicurazione-sanitaria-a-cuba/
    6) no
    7) chiederemo anche questo; (spero nel frattempo ti risponda qualcuno e solo se è certo). All’inizio non c’era nessun problema se non si era parenti, non vi erano moduli specifici…poi il Direttore di Labiofam, sapute delle truffe, sta impartendo un rilascio dietro maggiori accertamenti
    8) Si, abbiamo quasi terminato la valutazione fatta per bellezza, sicurezza, affidabilità dei prorietari). Le troverai a brevissimo qui: http://thisiscuba.net/progetto-vacanze-cuba/casas-particulares/
    9) Cuba è molto sicura. Se non ostenti il portafoglio la rapina è un evento molto improbabile. La rischi di certo più in Italia
    10) sarebbe un bellissimo gesto d’altruismo.

    Anche nel tuo caso confidiamo in un racconto che possa dare ulteriori informazioni precise per tutti gli altri lettori. Ti auguriamo buon viaggio.

  11. Sono rientrato ieri sera da Cuba con tre trattamenti di “escozul” che ho ritirato personalmente con tutta la documentazione clinica, mia (morbo di Paget) e della mia consuocera che ha problemi tumorali complessi. Da domani inizieremo il trattamento e sarà mia cura tenervi informati sull’andamento della cura. Il terzo prodotto è per un conoscente romano al quale lo spedirò lunedì via corriere. In bocca al lupo a tutti coloro che stanno recandosi a Cuba per questo problema. Mario

  12. Ho mia mamma malata da mesotelioma pleuro polmonare , sono riuscita ad avere l’Escozul da 2 giorni, le ho somministrato come mi hanno detto i medici cubani 5 goccie al mattino e 5 alla sera, spero tanto che funzioni. A cuba danno il farmaco per stranieri anche ad amici che siamo della stessa nazione basta avere la cartella clinica del paziente gratuitamente.

  13. buonasera a tutti, vorrei sapere se questo farmaco ,per coloro che lo hanno gia’ sperimentato,abbia dato risultati positivo, in quando anchio ho un problema in famiglia mia sorella affetto da un cancro,con la speranza di poterlo utilizzare .
    confido in voi per una vostra risposta
    saluti a tutti.

  14. Ciao a tutti.Vorrei chiedere se l’Escozul è efficace anche sui bambini 7-8 anni? Qualcuno conosce qualche caso
    Grazie!

  15. ciao a tutti anch’io spero di partire al piu presto per cuba ho mio fratello malato di leucemia mielodica.Vorrei sapere se mi conviene mandare prima la cartella clinica per fax o partire e andare direttamente alla labiofam.qualcuno ha avuto riscontri positivi?

  16. Mia madre sta prendendendo escozul da 5 gg e posso garantirvi che sta molto meglio, da 3 notti la dorme senza dolori e di giorno si sono attenuati. Prendeva anche tre antidolorifici al giorno ora non ne prende piu’ neanche uno.
    Come analgesiso su di lei sta funzionando, come antitumrale non saprei spero tanto di si.

  17. Ciao a tutti,
    io sto cercando di risolvere la cosa attraverso un appoggio che ho direttamente all’Avana ma ho problemi per farmi spedire il tutto visto che deve viaggiare col trasporto refrigerato. Vi chiedo se sapete è possibile acquistare all’Avana tutto l’occorrente necessario: ghiaccio secco, scatola apposita, etc… A chi è già tornato chiedo come si è organizzato per trasportare il medicinale in Italia, grazie!!!

  18. ti consiglio di leggere il link aggiornato (e in continuo aggiornamento), dove troverai novità relative anche al tuo quesito:

    http://thisiscuba.net/escozul-%E2%80%93-vidatox-punto-per-punto-storia-ed-approfondimento/

  19. GRADIREI SAPERE SE IL FARMACO AGISCE ANCHE SU PERSONE AFFETTE DA PSIORIASI GRAZIE

  20. Buongiorno, mi sto organizzando per partire per Cuba. Trmite il sito internet mi sembra tutto chiaro sul da farsi, soltanto su una cosa ho un dubbio, quanto si parla di cartella clinica può bastare la storia clinica della mamma e cioè da quando è sorto il tumore con tutte le terapie che ha effettuato nel corso di questi anni? oppure vogliono la cartella clinica che rilasciano in Ospedale e che comunque non c’è, se non i vari referti e le relazioni mediche. Vorrei un aiuto se gentilmente qualcuno mi può dare un chiarimento sarei molto grata.
    Il mio indirizzo e-mai è:stefassia@libero.it
    Se qualcuno ha bisogno conto di partire per la fine di Gennaio.
    Grazie

  21. Ciao Stef , l’importante è che nella documentazione che hai , ci sia specificato la patologia del paziente per la quale si richiede il farmaco e la cura che ha fatto o che sta facendo .
    Io ho portato la copia della prima cartella clinica che risale all’anno scorso, più una relazione dettagliata dell’oncologo che lo tiene in cura ,sempre in fotocopia .
    se è in cura presso una struttura pubblica ,fai richiesta di relazione medica ,allo sportello dove si ritirano le cartelle cliniche ,ma occhio ai tempi ,credo ci vogliano circa 10 giorni …almeno a Roma .

    In Bocca al lupo ,
    Max .
    maxim.progress@live.it

  22. Pingback: VELENO DI SCORPIONE BLU CUBANO CONTRO IL CANCRO: ESCOZUL DIVENTA VIDATOX | Terni Magazine

  23. Cari lettori,

    Finalmente, dopo una lunga messa a punto, Thisiscuba.net lancia il primo viaggio organizzato a Cuba, per reperire il medicamento e darvi la possibilità di partire in tranquillità con una organizzazione che vi supporta completamente e che vi permette pertanto di potervi dedicare solo a qualche giorno di riposo. Labiofam? Un servizio riservato ed una guida vi condurranno a reperire il farmaco e vi terrà lontano da eventuali truffatori ed insidie. Là poi, potrete, su richiesta appoggiarvi a gente esperta per servizi ulteriori.

    Qui trovate tutto. Ahimé avete solo dieci giorni per le prenotazioni.

    http://thisiscuba.net/vieni-a-cuba-con-thisiscuba-vidatox-escozul-travel/

  24. Pingback: Veleno di scorpione cubano blu contro il cancro: tutte le novità. Intervista al direttore del Centro Labiofam, Escozul diventa Vidatox | Terni Magazine

  25. Buonasera,volevo sapere se qualcuno affetto da mielodisplasia(malattia del midollo osseo)ha usato il farmaco escozul e con che risultati.Grazie mille aspetto eventuali risposte.

  26. Buongiorno, per coloro che si recheranno a Cuba il prossimo 20 marzo con il gruppo organizzato: se qualcuno potesse portare la cartella clinica di mia moglie affetta da carcinoma mammario metastatizzato alle ossa sarei ben lieto di contribuire alle spese sostenute per il viaggio. Chi volesse contattarmi: porrettapaolo@hotmail.com . Sono di Milano. Grazie

  27. Salve, mi chiamo Anna Carbone, Mio padre ha due tumori, uno all’esofago l’altro ai polmoni! Abbiamo iniziato la cura con escozul e sembra che vada meglio, dovevamo avere un nuovo flacone del prodotto ma purtroppo la persona che lo avrebbe dovuto procurare ha avuto dei problemi..la sua cura sta quasi per terminare e noi non abbiamo la possibilità di organizzarci in tempi brevi per andare a CUBA prima che finiscano le gocce. Non vorremmo interrompere la cure se qualcuno si dovesse recare a Cuba a breve e puo portate la cartella di mio padre ne sarei felice. Potete contattarmi alla mia Emai Anna2280@hotmail.it. Ringrazio gia da ora tutti coloro che potranno aiutarmi!

  28. Floriano, il farmaco non agisce sulla Psoriasi, però c’è un ottimo farmaco prodotto a Cuba, si chiama MELAGENINA PLUS – lo trovi anche su ebay Italia –

  29. Buongiorno, vorrei sapere se tutta la documentazione clinica del paziente deve essere tradotta in Spagnolo o sono sufficienti i referti in Italiano rilasciati dagli oncologi.
    Molte grazie

  30. @:Guido
    No non è necessaria la traduzione.
    I referti oncologici vanno vene così.
    Sola la delega, con la dichiarazione liberatoria, deve essere in spagnolo.

  31. Grazie per la risposta, cosa intendi per dichiarazione liberatoria ?

  32. @:Guido
    Intendo la dichiarazione per l’utilizzo del prodotto sperimentale TRJ-C30, molto simle alla dichiarazione che si rilascia quando ci si sottopone alla chemio.
    Se ne hai bisogno di una copia contattami. «bis6@usa.com»

  33. Ti ringrazio, il problema e’ che ho gia’ inviato tutta la documentazione medica di mia madre inclusa delega, fotocopia carta identita’ etc..ma non sapevo assolutamente ci volesse una dichiarazione liberatoria, spero tanto non facciano problemi.

  34. UFFICIALE LA NOTIZIA!
    Da oggi 27/4 a Ojo de Agua non si consegna + il farmaco TRJ-C30, in quanto la fase sperimentale è terminata.
    Sul sito della Labiofam http://www.labiofam.cu/UserFiles/File/anuncio%20no%20gratis.doc trovate l’annuncio ufficiale con indicati tutti i riferimenti per dove recarsi, a CUBA, per comprare il farmaco che è stato registrato.
    Quindi gli annunci del rappresentante in Albania sono delle mezze verità e non si è obbligati ad andare a Tirana, ma si può continuare ad andare a Cuba.
    Questo credo tranquillizzerà tutti quelli che hanno prenotato voli e soggiorni e che i menzogneri annunci dei vari rappresentanti del sito di Albania avevano messo in comprensibile angoscia.
    Chi frequentava il Forum del sito albanese si accorgerà che diversi topic sono stati cancellati perchè colpevoli di smascherare le false dichiarazioni del factotum.

    Vedremo ora prezzi e modalità della vendita a CUBA

  35. si esatto ..ora bisogna vedere se lo vendono a 53 cuc come ho sentito dire…o a 205 cuc come si sente da una telefonata in un video in you tube, di una conversazione con la Servimed farmacie..sarebbe bello anche sapere che fine fanno le cartelle che hanno avuto in precedenza..tipo quella di mia madre..e se ci sara un seguimento…

  36. @LUCA: Intanto dopo la pubblicazione del video con la telefonata del factotum di Pharma Matrix, il docemento presente sul sito della Labiofam http://www.labiofam.cu\novedades è stato cambiato.
    le consultazioni continuano a farsi GRATUITAMENTE al Laboratorio VIMANG di Ojo de Agua. Da li con la ricetta rilasciata si va ad una delle farmacie internazionali.
    Quindi una bella smentita aal video, sparizione completa della SERVIMED (Società dedita al Turismo della Salute di cui ha usufruito anche El Oibe de Oro per disintossicarsi, ma che ha prezzi da Clinica Svizzera).
    Sparita anche la Clinica Ciro Garcia, altra Clinica Svizzera per stranieri nella zona Ambasciate.
    Qindi quanto sbandierato ai 4 venti dal factotum della Pharma, direttamente o attraverso gli utenti zombies del suo forum, risulta privo di basi solide e appare sempre più come una manovra per vedere di intercettare quante più persone verso Tirana, magari terrorizzandole anche un po’.

    Rimane il punto del prezzo di vendita che ancora non si conosce esattamente.
    La Labiofam riapre martedì e visto i cambiamenti repentini effettuati a meno di 48 ore dal primo annuncio, aspettiamoci novità.
    come dice uno degli zombies sembra che ci siano parecchie proteste verso le ambasciate cubane…… che sia questa la causa del rapido cambiamento?
    Io ci proverei ad spammare tutti gli indirizzi di e-mail dellaLabiofam, delle Ambasciate, dei siti Governativi, protestando per quanto sta accadendo e per le false comunicazioni dell’individuo dempre + in ribasso.

  37. ciao,avrei bisogno di contattare qualcuno per il farmaco escozull,se mi potete contattare al mio telefonino al 347 2254232 o fisso 095 2861147,spero che qualcuno legga questo messaggio grazie ,

  38. p.s o allora mi contattate su facebook

  39. Sono appena ritornato da Cuba dove mi reco parecchie volte l’anno. Le ultime novità riguardo al farmaco in questione sono che :
    Il prodotto viene prescritto in giorni alterni in due luoghi uno presso Bojadero alla Labiofarm e l’altro presso la Farmacia che disca una trentina di Km dalla Labiofarm (non ricordo il luogo)
    Nei suddetti luoghi un medico legge la cartella clinica tradotta in spagnolo del paziente affetto da cancro e ne prescrive la dose da somministrare.
    Nella relativa farmacia si acquista solo una soluzione che dovrà essere somministrata con l’escozul.
    L’acquisto dell’escazul viene fatto nelle farmacie internazionali e la novità per niente carina è che ogni flaconcino (ne prescrivono solitamente 4 per una durata di 3/4 mesi) COSTA 205 CUC per un totale quindi di 820 CUC al cambio di 1,30/1,40 CUC x Euro fatevi Voi la bella cifra che ne esce. Purtroppo il prodotto è gratuito solo per i Cubani. La giustificazione per quanto sopra è che ora il farmaco è stato brevettato ecc. ecc.
    Da tenere conto che per fare il tutto vanno via 3 giorni perchè bisogna prendere taxi aspettare code interminabili di gente uno stress anche se rispetto all’anno scorso quando il prodotto era gratuito tutto si è ridimensionato.
    Per chi non è mai stato a Cuba può essere un avventura da provare. Non vi nascondo che per il sottoscritto pur essendo un abituè la cosa risulta sempre pesante considerando le 11+11 ore di aereo più i vari spostamenti sul posto ne esco distrutto. Nonostante ciò avendo altri interessi sul posto posso valutare di fornire il servizio a chi fosse interessato solo con il rimborso documentato delle spese. Inoltre non volendo in alcun modo speculare su quanto mi viene richiesto, l’ultima volta sono riuscito ad ottenere l’Escozul ad un prezzo notevolmente più contenuto.
    Coloro che fossero interessati anche per informazioni mi contattino con e_mail rarrus@alice.it sarò lieto di mettermi a disposizione Claudio

  40. forse quello che ho letto e un po vecchio comunque adesso la labiofam manda in tutto il mondo il farmaco per posta dentro un involucro ghiacciato, in pochi giorni arriva , il prezzo e di 500 euro per trattamento di un anno , questo perche le spese di spedizione sono alquanto costose

  41. risposta Luca Sterza per ThisIsCuba.net: Si Tiziano le informazioni sono un pò datate per quanto riguarda le modalità di dispensazione ed i costi. Ora vi sono anche dei partner commerciali che permettono il reperimento dello stesso farmaco omeopatico. Questi partner di solito sono al siti al di fuori dei Paesi più sviluppati e all’avanguardia, laddove cioè vigono delle precise regole per l’immissione in commercio di farmaci e anche di semplici integratori. Ricordo che Labiofam al momento non ha presentato alcun studio a sostegno dell’efficacia antitumorale degno di nota. Di solito la somministrazione del farmaco segue il processo inverso: prima le prove e poi l’eventuale business commerciale…

  42. Ciao Luca e Tiziano, ho urgenza di reperire il “farmaco” e arrivata in fondo alla lettura leggo un’ottima notizia, quella della spedizione? ciò che arriva è l’originale? potete darmi tutte le info per la spediizone? Grazie

  43. Buonasera a tutti,
    qualcuno sa indicarmi quante dosi occorrono per vedere un miglioramento ????
    Mia madre, ha un tumore neuroindocrino, e volevo associaciare alla tradizionale terapia anche l’escozul.

    grazie

  44. MIO MARITO è CUBANO E HO LA POSSIBILITA DIA VERE VITADOX PER CHI FOSSE INTERESSATO MI CONTATTI AL XXXXXXXXXX

  45. Salve Veronica, ho letto il suo messaggio.
    Mi può dare delle informazioni aggiuntive ?
    Di cosa necessitereste per l’ordine ? E quali sarebbero i costi ?
    Grazie

  46. Si possono avere novità recenti su cartella clinica, spedizioni, prezzi ed anche risultati. Grazie.

  47. Si possono avere novità più recenti: la cartella clinica bisogna sempre portarla a Cuba, le spedizioni del farmaco, i prezzi e testimonianze sull’efficacia.Grazie.

  48. Gentili Luca, Tiziano o Veronica possono avere novità più recenti: la cartella clinica bisogna sempre portarla a Cuba, le spedizioni del farmaco, i prezzi. Comunque non ho letto molte testimonianze sull’efficacia. Grazie.

  49. ciao a tutti, a Maggio partirò per ritirare escozul chi potrebbe essere interessato mi può contattare al 32*****

    nota thisiscuba.net: contattarci alla mail staff@thisiscuba.net e saremo noi ad interfacciarci eventualmente con il Signor Filippo per verificare che il servizio sia in regola con le normative e non sia a scopo di lucro. In caso contrario saremo lieti di comunicare l’offerta alle autorità competenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *