Breaking News Italia ed Europa — 24 novembre 2010
Politica italiana: Montezemolo scende in campo

Quando si parla di politica Italiana, sembra d’aprire la pagina del Gossip di un paese fermo al medioevo, incapace d’andare oltre una visione obsoleta di sè stesso ed ingabbiato nei propri luoghi comuni.

Scorrono i soliti titoloni sulle pagine dei maggiori quotidiani. I soliti sorrisi, i soliti personaggi i cui intenti, sono proiettati al consenso d’un Paese che è sempre più disgustato e distante dalla politica vera.

Lascia di stucco notare come episodi drammatici accorsi in Cambogia e quello tra Nord e Sud Corea siano  appena accennati o lasciati in disparte dalle maggiori testate televisive, al cospetto dell’omicidio della settimana, del mese, dell’anno.

Oggi l’ex presidente di Confindustria, Luca Montezemolo, ha parlato chiaro ed ha annunciato il proprio ingresso sulla scena politica nazionale. Lo ha fatto presentando il rapporto di Italia Futura, l’Associazione da lui fondata che ha il compito, impresso sulla propria carta d’identità, di lavorare per  l’occupazione giovanile e che poi definisce la porpria identità con tanti slogan tra cui citiamo “un luogo di ideazione, politica, civile ed economica“. Grandi parole insomma. Montezemolo ha detto che sente l’esigenza di fare qualcosa per il Paese in cui è nato e cresciuto, per non farlo arenare, per fermare il regresso e condurlo fuori da questa seconda Repubblica, gettando lo sguardo al futuro, in cui le parole chiave devono essere la ricostruzione e i giovani.

Molti sono i termini ad effetto utilizzati da Montezemolo, che ha parlato con un linguaggio chiaro e semplice, utilizzando verbi che richiamano inequavocabilmente  al suo stile ed alla sua storia imprenditoriale, “fare”, “ricostruire”, “crescere”, “rinnovamento”, “ristrutturazione”.

Montezemolo scinde l’asse politico e si delinea così un profondo significato politico al tempo nelle sue tre dimensioni: passato, presente e futuro. Il passato deve essere lasciato alle spalle ed abbandonato, il presente va scongiurato in quanto sta portando il paese all’autodistruzione, il futuro è la fase della rinascita, della speranza e del lavoro, che deve coinvolgere popolo ed istituzioni tutte nell’ottica di un grande cambiamento.

Solo una squadra crea un senso alla definizione “entrare in politica”, di per sè sterile se addossata ad una sola persona. Con questi contenuti ha intelligentemente allontanato l’identificazione di un partito politico quasi esclusivamente nell’immagine del proprio leader, che richiama a ciò a cui si è ispirato in questi anni il Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi.

 Abbonati Gratuitamente

Articoli Recenti

Condividi

Articolo scritto da:

L'autore, ama viaggiare, conoscere e condividere le mille e più sfaccettature della realtà. Racconto nella totale indipendenza, un mix di attualità, scienza, rispetto dell’ambiente, progresso e tradizioni. La mia penna va sempre e comunque per la propria strada.

(1) Reader Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *