Perù:una nuova varietà di dengue causa 10 morti

Il ministro Ugarte annuncia l'inizio della campagna contro il dengue. Fonte foto Andina.

[ESP Highlights] Una nueva forma de dengue llega en perù por la zona amazónica del vecino Brasil. Se cuentan hasta ahora 10 muertos y 7000 infectos que presenta fuertes estados febriles. El nuevo dengue no es hemorrágico pero le crea en la persona picada por la mosquito un schoc que si no es tomado a tiempo trae a la muerte.

Il Ministro della Salute peruviano Óscar Ugarte ha riferito che, nella zona nordest del paese,  è stata riscontrata una nuova varietà di dengue denominata asiático-americana, entrata nel paese sudamericano dal confinante Brasile .

Il quadro clinico che presenta l’infettato da questa nuova tipologia di dengue è molto acuto, ed anche se non emorragico, provoca nell’individuo colpito  uno shock , che se non curato per tempo porta rapidamente ad un aggravamento del quadro clinico e successiva morte.

La zona maggiormente  interessata dalla zanzara portatrice del dengue  è  la regione di  Loreto, che confina con lo stato brasiliano dell’ Amazzonia , e che si trova a 1.010 km dalla capitale  Lima.

Secondo quanto riportato dallo stesso  Ministro della Salute,  le persone infettate fino ad’ora sono state  7000, mentre le persone decedute sono 10.

Il governo peruviano  per  evitare la proliferazione del dengue nel paese  ha iniziato una campagna di fumigazione, e nonostante l’alto numero di persone colpite non ha dichiarato lo stato di emergenza. Si sta cercando di eliminare il vettore con campagne di prevenzioni specifiche e utilizzo su larga scala di larvicidi e pesticidi.

Il Governo Brasiliano a sua volta sta cercando di contenere numeri in continua crescita relativi alla trasmissione del virus, che dall’inizio dell’anno ha provocato nella sola Rio de janeiro, la morte di 54 persone, il ricovero di un’altra sessantina. Nel 2010 le persone che hanno constratto il virus sono state oltre 57.000 rispetto alle 25.107 del 2007.

Il dengue  viene trasmesso  tramite la puntura della zanzara Aedes Aegypti, durante la stagione delle pioggie. Si stima che la prevalenza sia in continuo aumento e che siano circa 24.000 i decessi annui che ogni anno si registrano nel mondo, la maggior parte delel quali nelle aree tropicali.

L’ultimo segnale di alta rischio segnalato dall’OMS riguarda l’incremento dei casi registrati di dengue, dengue emorragica e correlate morti in Bolivia nel Febbraio 2009 quando furono 12.372 i sospetti casi di dengue, 1.326 quelli accertati, 55 i casi sospetti di dengue emorragica, 7 le morti con un fatality rate pari al 12,7%.


 Abbonati Gratuitamente

Articoli Recenti

Condividi

Articolo scritto da:

È da “sempre” in contatto con l’isola cubana che ama quanto il suo paese. Sposato da più di due lustri con una cittadina cubana , affonda per passione, parte del suo quotidiano nella ricerca e nello spassionato approfondimento della realtà dell’isola caraibica. Francesco, ama particolarmente di Cuba l’aspetto poetico, romantico, che perdura nel tempo nonostante tutto, e che sa cogliere ogni qual volta si reca nell’isola. Cosciente, ed informato della realtà cubana, vuole attraverso questo sito, apportare il suo contributo informativo , contrapponendo la sua visione “romantica” ,con la difficile realtà del quotidiano cubano.

(1) Reader Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *