Breaking News L'editoriale — 17 aprile 2017
Omicidi in diretta e colpevoli protagonisti su facebook. La vicenda di Stevie Stephens

E’ l’ultima innovativa funzione di Facebook. La diretta video. Usata nel bene, quale prova inconfutabile durante manifestazioni e talora per difendersi anche da abusi e soprusi di qualsiasi natura. Ovviamente usata per condividere con amici e conoscenti momenti di gioia, feste e viaggi, quanto di divertente colori le giornate dei proprietari dell’account. Ma, non essendovi anche un sistema di censura e monitoraggio diretto, possono essere postati anche contenuti più macabri, illegali, quali scene sessuali o, come è avvenuto ieri, anche un omicidio in diretta. 

Solo in un secondo momento, dietro segnalazioni degli stessi utenti, i video non opportuni, come qualsiasi altro contenuti, verranno censurati. Quel che preme è la diretta dell’evento. 

qui potrete vedere la stessa diretta, consci di quello che vedrete, crudo, reale. La differenza è che qui sarete voi a scegliere, nella diretta non potevate neppure immaginarvi di cosa stava per accadere.

 

Un afroamericano, come ha confermato la polizia di Cleveland, ha ucciso in diretta un signore anziano, Robert Godwin, senza alcun motivo. Un 74enne totalmente estraneo, nel luogo sbagliato al momento sbagliato.  Solo intrattenimento e protagonismo tant’è che in un video precedente, lo stesso soggetto avrebbe riferito dell’intenzione di uccidere a casa, dando seguito all’ammissione dei 13 omicidi compiuti negli scorsi anni. Tanta rabbia, violenza e ancora questa terribile diretta, queste ammissioni di colpa di omicidi precedentemente compiuti e per i quali l’esecutore non ha mai pagato. 

3F4FAC2C00000578-4416996-Robert_Godwin_died_after_being_randomly_shot_in_a_video_posted_t-a-3_1492418117794

Possiamo già anticipare la conclusione, in cui l’omicida sarà arrestato o ucciso. Non cambierà nulla, il disagio sociale sarà comunque presente, si potrà comunque postare su facebook dirette di questo tipo, nessuno riporterà in vita le vittime e nessuno colmerà la sofferenza dei familiari del povero Godwin. In attesa che in poche ore la vicenda venga dimenticata, pronta a fare spazio alla prossima Breaking news.

 

 

 Abbonati Gratuitamente

Articoli Recenti

Condividi

Articolo scritto da:

L’autore, ama viaggiare, conoscere e condividere le mille e più sfaccettature della realtà. Racconto nella totale indipendenza, un mix di attualità, scienza, rispetto dell’ambiente, progresso e tradizioni. La mia penna va sempre e comunque per la propria strada.

(0) Readers Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *