Breaking News — 10 ottobre 2010

La favola dei Mondiali, per gli Azzurri della Pallavolo si conclude in semifinale con il Brasile.

Viene in mente quella notte del 1990. Qui la storia ed il presente si rincontrano. Ancora Italia, Cuba, Brasile a ruoli invertiti.

Si giocava in Brasile, a Rio de Janeiro. Finale tra Italia e Cuba. Quella che fù la prima ed unica finale conquistata dalla nazionale cubana. Vinse l’Italia. Ventidue anni dopo è l’Italia il paese ospitante e il Brasile l’avversario sul campo.

Un Brasile fortissimo, superlativo, per giocate e ritmi tenuti. Anche la perfezione e l’impegno non possono compensare un tasso qualitativo che ha le sembianze ed i geni di altri pianeti. Essere stati eliminati da una grandissima formazione, la migliore del mondiale per quanto ha fatto vedere sino a questo momento, non lascia comunque spazio al rammarico, ma incorona la squadra italiana per la buona tecnica ed l’ottima organizzazione di gioco dimostrati.

Un palasport gremito di 13 mila sostenitori. Tutti in piedi a tifare ed esultare su ogni palla, per ogni punto, ad ogni palleggio o rimbalzo conquistato dagli Azzurri. Invano. I campioni brasiliani vincono 3 set ad 1, in una splendida cornice sportiva, e vanno in finale.

L’Italia giocherà oggi la semifinale per conquistare la medaglia di bronzo. L’avversario non è formato dai campionissimi palleggiatori sudamericani, ma dalla Serbia, che è stata eliminata da una Cuba, agguerrita e che può usufruire di un ottimo stato di forma, vuoi anche per la più bassa età media di tutto il mondiale (23 anni).

Cuba e Brasile quindi. Una sfida tutta latinoamericana. Si giocherà questa sera alle 21.

Favorita è ovviamente la squadra brasiliana. Cuba è ad un passo dall’ottenere  una vittoria storica. La squadra, deve giocare le carte a sua disposizione quali la grinta dimostrata sul campo, il grande attaccamento alla maglia dimostrata da tutti i giocatori della rosa, ed una condizione fisica strepitosa. Come detto, la componente anagrafica dei giocatori permette alla squadra cubana di poter recuperare in tempi minori.

L’ultima battaglia quindi. E come dovrebbe sempre essere…vinca il migliore.

Un po’ di curiosità sulla Nazionale Cubana maschile di Pallavolo.

Al 27 Luglio 2010 il ranking mondiale delle nazionali di pallavolo maschili (FIVB World Rankings) vede Cuba all’ottavo posto della graduatoria, rispetto al 13esimo dello scorso anno (l’Italia è al quinto, la serbia al quarto ed il Brasile incontrastato al primo).

COPPA DEL MONDO:

1978: medaglia di bronzo (l’edizione fu vinta per la quinta volta dall’Unione Sovietica)

1990: medaglia d’argento (l’edizione fu vinta dall’Italia)

1994: quarto posto (l’edizione fu vinta dall’Italia)

1998: medaglia di bronzo (l’edizione fu vinta dall’Italia)

CAMPIONATI NORDAMERICANI:

Dal 1969 è una competizione sportiva che si gioca ogni due anni, organizzata dalla North, Central America and Caribbean Volleyball Confederation (NORCECA), la federazione nord e centro americana della pallavolo. E’ una egemonia della squadra cubana che conquista.

Le ventuno edizioni hanno visto solo due vincitori differenti: Cuba e USA.

Cuba ha collezionato nelle 21 edizioni 14 ori, 4 argenti e 3 bronzi.

Gli USA 7 ori, 9 argenti e 4 bronzi (su 20 presenze)

Famosa la finale giocata su territorio cubano, nel 1987. Si affrontarono Cuba e USA. Vinsero gli USA i cui giocatori furono premiati dallo stesso Fidel Castro che assistette alla gara.

WORLD LEAGUE

Manifestazione di pallavolo cui partecipano le  più forti squadre a livello mondiale.

Cuba ha all’attivo 1 medaglia d’oro (1998), 5 medaglie d’argento (1991,1192,1994,1997, 1999), 2 medaglie di bronzo (1995,2005)

fonte foto: internet (totalsport.it)

 Abbonati Gratuitamente

Articoli Recenti

Condividi

Articolo scritto da:

L'autore, ama viaggiare, conoscere e condividere le mille e più sfaccettature della realtà. Racconto nella totale indipendenza, un mix di attualità, scienza, rispetto dell’ambiente, progresso e tradizioni. La mia penna va sempre e comunque per la propria strada.

(1) Reader Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *