Sport,Arte, Cultura & Scienza — 29 ottobre 2010
Maradona: “El pibe de oro” compie 50anni

fonte foto:internet.

Domani Diego Armando Maradona compirà 50anni. Nato a Lanus (Argentina) il 30 di ottobre del 1960 Maradona rappresenta ancor oggi un’icona, ed uno dei maggiori talenti del calcio.  Ritiratosi ufficialmente  nel 1997,  dopo aver militato nell’Argentinos Juniors, nel Boca Juniors, nel Barcellona, nel Napoli, nel Siviglia e nel Newell’s Old Boys, in una carriera più che ventennale, Maradona è considerato assieme a  Pelè, Johan Cruijff, Franz Beckenbauer e Alfredo di Stéfano uno dei migliori giocatori del XX secolo.

Napoli in questi giorni, dove  “el  pibe de oro” giocò dal 1984 fino al 1991, è vestita a festa per gli imminenti festeggiamenti; tutti i tifosi stanno aspettando con la  tipica euforia colorata  che contraddistingue la città campana, di poter festeggiare ed abbracciare anche se virtualmente il loro campione, che tutt’oggi per loro non è considerato solamente un calciatore, ma un “dio” se non il simbolo della città stessa.

Maradona, conosciuto non solo per le sue straordinarie doti  calcistiche  ma anche per  i gravi problemi inerenti all’uso di cocaina, (come egli stesso ammise in un’autobiografia del 2000)  in una recente intervista rilasciata ad un canale televisivo sportivo, confessa che un ottimo  regalo per il suo compleanno sarebbe il poter allenare una squadra nella Premier League inglese.

Amico  di Cuba  e di  Fidel Castro, il fuoriclasse andò la prima volta nell’isola  nel 1987,  dove,  strinse un’amicizia fraterna con il leader maximo. Famoso è il suo tatuaggio di Fidel sul polpaccio sinistro.  Maradona  tornò poi a Cuba in svariate occasioni, non solo per  le vacanze,  ma anche per combattere con l’aiuto dei medici cubani, l’obesità e la dipendenza dalla cocaina che misero a dura prova la sua stessa vita.

In occasione dei funerali del ex presidente Argentino Nestor Kirchner  stroncato recentemente da un infarto, Maradona ha espresso tutto il proprio dolore per la perdita dell’amico ; nella camera ardente allestita all’interno della Casa Rosada ,  il “pibe de oro”  ha  affermato  che  l’ex presidente era un uomo che ha agito tenendo sempre fede ai propri ideali : quest’ultima caratteristica è  “quel che lo accomunava al rivoluzionario  Ernesto Guevara“.

 Abbonati Gratuitamente

Articoli Recenti

Condividi

Articolo scritto da:

È da “sempre” in contatto con l’isola cubana che ama quanto il suo paese. Sposato da più di due lustri con una cittadina cubana , affonda per passione, parte del suo quotidiano nella ricerca e nello spassionato approfondimento della realtà dell’isola caraibica. Francesco, ama particolarmente di Cuba l’aspetto poetico, romantico, che perdura nel tempo nonostante tutto, e che sa cogliere ogni qual volta si reca nell’isola. Cosciente, ed informato della realtà cubana, vuole attraverso questo sito, apportare il suo contributo informativo , contrapponendo la sua visione “romantica” ,con la difficile realtà del quotidiano cubano.

(0) Readers Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *