Lula prossimo Presidente del Brasile?

Il 17 Settembre sapremo se il tribunale Supremo Elettorale (non fatevi ingannare dal nome tanto altisonante) concederà a Lula la possibilità d’essere eventuale prossimo Presidente del Brasile. Eventuale neanche tanto, visto che i sondaggi lo danno col 37% delle preferenze ben distanziato dagli altri, una leadership senza eguali.

Eppure Lula è in carcere, che sconta una pena per corruzione, un colpo durissimo alla sinistra per le destre del latino america, vicine al gigante statunitense. Eppure Lula si è rialzato, si è reinventato e continua a lottare portando proprio le sinistra alla ribalta, in un Brasile nel caos politico.

 


Il Brasile è l’emblema della corruzione, delle mazzette, tra i giganti di Odebrecht e Petrobas. Multinazionali che hanno dispensato mazzette in tutto il mondo e che hanno patteggiato ovunque, ammettendo e continuando a nascondere intrecci filo governativi.

Una trappola per Lula, una vittima sacrificata o un reale doppiogiochista. Inutile entrare nelle fazioni.

Riportiamo i fatti interessanti e senza la faziosità delle maggiori testate giornalistiche italiane, che si fanno paladine della verità sentenziando la colpevolezza di Lula.

L’ONU si è pronunciata chiaramente e da sovrintendente al Patto internazionale sui diritti civili e politici chiede di permettere la candidatura come è previsto chiaramente e nel frattempo chiede al Brasile un processo trasparente. 

Il Brasile è una polveriera e lo sarà ancor più.

Stiamo a vedere.

 Abbonati Gratuitamente

Articoli Recenti

Condividi

Articolo scritto da:

L'autore, ama viaggiare, conoscere e condividere le mille e più sfaccettature della realtà. Racconto nella totale indipendenza, un mix di attualità, scienza, rispetto dell’ambiente, progresso e tradizioni. La mia penna va sempre e comunque per la propria strada.

(0) Readers Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *