Breaking News L'editoriale — 17 luglio 2011
La salute in Venezuela

Di Inès Cainer [1]

IT) Negl’ultimi anni milioni di venezuelani hanno avuto accesso  alle cure mediche gratuite  della mision “Bario Adentro” . In questo articolo un breve riassunto.

ESP) En los ultimos  años millones de venezolanos han tenido acceso a las curas médicas gratuitas del mision “Bario Adentro.” En este artículo un breve resumen.


fonte foto :internet.

Nel novembre del 2003, diecimila medici cubani sbarcarono in Venezuela e furono assegnati nei quartieri, nei casali, nelle pianure e  montagne di tutto il Paese.

Precisamente nei luoghi dove vi  abita la popolazione più povera, arrivando in questo modo a garantire un medico ogni 250 cittadini.

Il diritto costituzionale del Venezuela, che prevede assistenza gratuita per i cittadini, è finalmente realizzato grazie alla politica socialista del Presidente Hugo Chavez con l’appoggio di Cuba.

L’arrivo di tanti professionisti cubani, ha significato un grande cambiamento nella vita di milioni di venezuelani, che hanno avuto un ruolo preponderante nell’organizzazione del programma; furono i cittadini ad offrire, anche solo piccoli spazzi nelle loro case perché potessero essere costruiti  dei  consultori dove i medici cubani potessero svolgere il loro lavoro.

S’iniziarono cosi le consulte mediche che si svolgono ogni  mattina, mentre le visite domiciliari al pomeriggio per diagnostici e prevenzione, restando disponibili durante la notte per i casi urgenti.

Un medico cubano in Venezuela. Fonte foto internet

Nella costituzione Bolivariana del 1999, si promulgò una legge per la salute pubblica che si basa “nello sviluppo della Sanità con finanziamenti pubblici  decentrate e con la presenza attiva della popolazione nella sua  pianificazione, esecuzione e valutazione della sua gestione”.

Il governo appoggiò il progetto con uno stanziamento del 12 % delle risorse  che in quel momento non arrivava al 2%.

La Rivoluzione Bolivariana nello stesso periodo dell’avvio della Missione “Barrio Adentro”, creò 13000 consultori dedicati alla medicina generale e odontologia.

Diciassette milioni di venezuelani accedono in questo modo alle visite mediche gratuite.

Nel 2005 continua l’impegno e nasce  la Missione “Barrio Adentro” N.2,  che sono centri di Diagnosi Integrali e di alta tecnologia.

Per ultima nel 2007 la “Barrio Adentro” N. 3, con un investimento di un miliardo in strutture ospedaliere.

Da chiedersi, come funzionava la Sanità in Venezuela prima della Rivoluzione Bolivarina?.

Ho avuto la fortuna, nel mio lungo girovagare per il Latino America di assistere a un “Congresso Bolivariano de los Pueblos” con la presenza del Presidente Chavez, in Asunciòn, capitale del Paraguay.

Hugo Chavez, senza l’aiuto di un promemoria parlò per quattro ore!. Fra le varie cose disse: “ci criticano e attaccano perché pensano che io regalo il petrolio a Cuba, pero credo che se ci sedessimo in un tavolo con Fidel a fare conti, sicuramente saremmo noi i debitori”.

Il grande avanzo sociale in Venezuela, senza ombra da dubbio è riuscito grazie anche alla grande partecipazione popolare, in Venezuela come solitamente si dice “si sono rimboccate le maniche”.

Morale: “Una vera Rivoluzione è quella in che il popolo prende in mano il lavoro politico e lo esecuta”. Credo che siano parole sagge, anche se chi le ha scritte sia un comunista scomunicato come Leon Trotskij.

[1] Inès Cainer giornalista e scrittrice nata in Argentina, ma di origini Italiane, vive da molti anni in Italia e tra le sue fatiche letterarie si annovera “Benita Bottazzi senza Patria” , dove racconta con estrema lucidità un pezzo di storia che ci appartiene; l’emigrazione italiana in Argentina. Da qualche mese collabora con il sito d’informazione ThisIsCuba.net

 Abbonati Gratuitamente

Articoli Recenti

Condividi

Articolo scritto da:

Scrittrice nata in Argentina, ma di origini Italiane, vive da molti anni in Italia e tra le sue fatiche letterarie si annovera “Benita Bottazzi senza Patria” , dove racconta con estrema lucidità un pezzo di storia che ci appartiene; l’emigrazione italiana in Argentina. Collabora con ThisIsCuba.net per editoriali e notizie dal latino america

(1) Reader Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *