Breaking News — 23 agosto 2010

[ITA]    La fine delle restrizioni sui viaggi USA-CUBA?

[ENG] Will USA end cuba travel ban?

L’amministrazione Obama ha dato il via ad un alleggerimento delle restrizioni che di fatto proibiscono ai cittadini americani di visitare Cuba.

Le restrizioni fanno parte di un embargo che prosegue dai primi anni ’60.

Gli Stati Uniti sono consapevoli che le relazioni con Cuba e le restrizioni imposte sono oramai uno strumento antiquato, ma allos tesso tempo faticano a trovare un nuovo equilibrio con l’isola per ristabile la normalità diplomatica con un pensiero societario così differente.

Tutti si attendono che sia l’amministrazione Obama a dare un taglio netto con il passato e ad impostare la via per nuovi rapporti bilaterali. Al momento le riforme si sono fatte attendere, ma si ritiene che il cammino verso un nuovo equilibrio debba iniziare con piccoli ma continui passi di alleggerimento delle imposizioni restrittive, spesso insensate e malate, viziate dal tempo.

Attualmente per viaggiare a Cuba i cittadini nativi nordamericani devono essere in possesso di un speciale autorizzazione. Gli altri devono rischiare d’imbattersi in pesanti multe e pene detentive, volando verso l’Isola da Paesi limitrofi quali il Messico. In questo caso sovente le autorità cubane, per evitare ai cittadini nordamericani d’incombere in guai giudiziari non timbrano loro il passaporto.

L’anno scorso l’amministrazione ha facilito i viaggi ai cubani residenti legalmente negli Stati Uniti, ch ora possono viaggiare verso Cuba con minori limitazioni.

Si attende, già entro pochi giorni, un nuovo programma ufficiale in risposta alle liberazioni di 52 prigionieri politici concesse dal governo cubano, dopo un accordo con la Chiesa Cattolica.

Il programma comporterà un alleggerimento delle sanzioni e delle restrizioni imposte per i viaggi, ma non eliminerà nè l’embargo nè il divieto di turismo sull’isola. Questa è la conferma che se cambio vi dovrà essere , questo avverrà per step, dopo un avviccinamento continuo tra le due nazioni. In questo senso ci si dovrà attendere pertanto una continua mediazione tra i due governi, che dovranno mostrare di essere sufficientemente maturi per collaborare all’insegna di una pace di lungo periodo.

Queste facilitazioni potrebbero permettere a migliaai di americani di tornare sull’Isola per meglio gesitre ed ampliare programmi di lavoro o scambio culturale, religioso o economico, senza violare le leggi in vigore sull’embargo. L’ostacolo maggiore verso un’apertura continua e progressiva verso Cuba da parte degli USA, sono proprio alcuni parlamentari cubano-americani, che non riescono ad accettare, come un vero democratico dovrebbe, un sistema differente da quello statunitense.Ad esempio il Democratico Senatore Robert Menendez ha detto che non è il momento di alleggerire l’embargo, dal momento che tale decisione consentirebbe solamente di prolungare l’oppressione che il popolo cubano deve sopportare quotidianamente”. Cinque senatori Demcratici cubano americani hanno inviato una lettera ad Obama, col fine di ottenere un ripensamento di ciò che il Presidente Americano sembra intenzionato a portare avanti

Di tutt altro parere il Democratico Californiano Howard Berman, che sostiene la legge e afferma chiaramente che è ora di abbattere il divieto di viaggiare a Cuba, in quanto è più di un diritto dei Cubani: è un diritto basilare dei cittadini statunitensi più che un regalo a Castro.

La legge inoltre permetterebbe una maggiore facilità nel trasferimento di valuta dagli Stati Uniti a Cuba. La possibilità di tali versamenti si estenderebbe ora non solo ai cittadini cubano americani, ma a tutti i cittadini statunitensi.

Molti giornalisti americani attendono ora di vedere quel che di concreto emergerà da queste anticipazioni. E’ un banco di prova importante per la forza dell’amministrazione Obama, che ha la fortuna ed il merito di essere stata eletta senza l’aiuto, e pertanto la rpesenza ed il condizionamento, delle forti lobby spesso affincate agli ambienti politici americani.

Fonti:

http://edition.cnn.com/2010/WORLD/americas/08/20/us.cuba.travel/index.html#fbid=f1dZ9QcxLS9&wom=false

http://www.time.com/time/nation/article/0,8599,2012476,00.html?xid=rss-mostpopularemail

http://it.reuters.com/article/topNews/idITMIE67H03D20100818

fonte foto: internet (proprietà di National Geographic)

 Abbonati Gratuitamente

Articoli Recenti

Condividi

Articolo scritto da:

L'autore, ama viaggiare, conoscere e condividere le mille e più sfaccettature della realtà. Racconto nella totale indipendenza, un mix di attualità, scienza, rispetto dell’ambiente, progresso e tradizioni. La mia penna va sempre e comunque per la propria strada.

(1) Reader Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *