Il triste primato dell’Honduras

Una spirale di morte spaventosa ha colpito  negli ultimi 11 anni l’Honduras.  Secondo una recente relazione redatta dal  Delegato Nazionale per i Diritti Umani dell’Honduras Ramón Custodio, i morti ammazzati dalla criminalità  dal  2000  al 2011 sarebbero circa 46.450.

Una cifra spaventosa , allarmante, che lascia incredulo chiunque legga tale relazione o non viva a contatto con la realtà del luogo.  Il profilo  che ne esce del paese centro americano  è quello di un paese in stato di guerra, stretto nella morsa della violenza, diventando di fatto manifesto della stessa.

Se riportare le notizie e le cifre per fare scalpore può apparire limitativo, d’altro canto è un modo per conoscere e attraverso l’informazione iniziare a sensibilizzare al problema, cercando d’andare oltre un banale commento e magari fare in modo che qualcuno possa aderire a delle iniziative benefiche.

Nel solo 2011 il numero delle  morti  avvenute in circostanze violente ha toccato un picco altissimo: 7.104, vale a dire una vittima ogni 74 minuti.

I dati della relazione  evidenziano anche come negli ultimi 23 mesi, dopo l’arrivo al potere dell’attuale presidente  Porfirio Lobo, la situazione sia ulteriormente peggiorata. Nella gestione Lobo, i morti ammazzati  sarebbero 12.838 vale a dire 19 morti al giorno.

Una situazione drammatica , una carneficina  che lascia increduli.

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Salute (OMS) il  tasso medio di omicidi a livello mondiale  è di 8,8 ogni 100.000 abitanti.  A capeggiare  la lista dei paesi dove hanno luogo il maggior numero di delitti   è l’Honduras, il quale con 86,5 morti ogni100.000 abitanti si conferma il paese più violento del pianeta.

Fonte: BBC MUNDO

 Abbonati Gratuitamente

Articoli Recenti

Condividi

Articolo scritto da:

È da “sempre” in contatto con l’isola cubana che ama quanto il suo paese. Sposato da più di due lustri con una cittadina cubana , affonda per passione, parte del suo quotidiano nella ricerca e nello spassionato approfondimento della realtà dell’isola caraibica. Francesco, ama particolarmente di Cuba l’aspetto poetico, romantico, che perdura nel tempo nonostante tutto, e che sa cogliere ogni qual volta si reca nell’isola. Cosciente, ed informato della realtà cubana, vuole attraverso questo sito, apportare il suo contributo informativo , contrapponendo la sua visione “romantica” ,con la difficile realtà del quotidiano cubano.

(0) Readers Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *