[ENG] The latest book, that will be published on September 7 in the United States and September 9 in the United Kingdom, Hawking affirm that God didn’t create universe and there’s no need for God to explain it.

Uno dei più grandi scienziati della sotria contemporanea, tanto da aver ispirato anche una puntata dei Simson ed essere autore di diversi best sellers è Stephen Hawking.

Il brillante matematico ed astrofisico britannico, non ha esitato  a frasi di forte impatto nelle intervista rilasciate in occasione della pubblicazione del suo ultimo  libro “The Grand Design”. Di certo Ratzinger non sarà d’accordo con le conclusioni tratte dal fisico, che esce proprio a pochi giorni dalla visita  del Papa in Inghilterra.

Hawking, al Times di Londra ha detto che l’Universo come esiste tuttora, continuerà a generare se stesso dal nulla. La creazione spontanea è per Hawking, intesa come ragione per la quale esiste qualcosa anziché il nulla, per cui esiste l’Universo, per cui esistiamo noi. (“Spontaneous creation is the reason why there is something rather than nothing, why the universe exists, why we exist”)

Lo scienziato, nonostante la lotta contro la terribile malattie che lo affligge, la sclerosi multipla amiotrofica, continua ad essere un luminare in fatto di teorie quantistiche ed uno specialista di buchi neri, riuscendo a definire la stretta relazione teorica tra termodinamica e teoria cosmologica.

In un’altra frase rincara la dose con una chiarezza disarmante ed afferma che di certo, Dio non ha creato l’Universo. Non cìè bisogno di Dio per innescare la reazione d’accensione dell’Universo e per far si che questo porti avanti da solo la propria esistenza ed evoluzione. (“It is not necessary to invoke God to light the blue touch paper [fuse] and set the universe going”)

Tanti sono i temi affascinanti di questo libro e così chiara e trasparente la teoria da essere devastante nelle sue conclusioni.

Secondo Hawking gli universi sono multipli ed ognuno regolato da delle proprie leggi fisiche. Prosegue affermando che l’universo non solo può, ma più che altro deve generarsi dal niente.

Di certo ciò che ci sfugge è cosa si intenda per Dio, dato che oggi come oggi le religioni non forniscono solo definizioni annaquate e datate dall’avvento della scienza. L’unica cosa certa è che Dio sembra oramai aver perso il controllo nella gestione di questa terra malata.

A tal riguardo il pensiero di Hawking lo troviamo su una intervista rilasciata al Times, in cui sancisce in modo drastico la disputa tra religione e scienza, che per lo stesso non ha neppure il motivo d’esistere.

C’è una fondamentale differenza tra la religione, che è basata sull’autorità, e la scienza, che è basata su osservazione e ragionamento. E la scienza vincerà perché funziona

Fonti contenuti: cnn.com, rebubblica.it


 Abbonati Gratuitamente

Articoli Recenti

Condividi

Articolo scritto da:

L'autore, ama viaggiare, conoscere e condividere le mille e più sfaccettature della realtà. Racconto nella totale indipendenza, un mix di attualità, scienza, rispetto dell’ambiente, progresso e tradizioni. La mia penna va sempre e comunque per la propria strada.

(2) Readers Comments

  1. Pingback: Hawking: Dio non ha creato l'Universo. | This is Cuba : Vacanze a Cuba

  2. In “The Grand Design” Stephen Hawking postulates that the M-theory may be the Holy Grail of physics…the Grand Unified Theory which Einstein had tried to formulate and later abandoned. It expands on quantum mechanics and string theories.

    In my e-book on comparative mysticism is a quote by Albert Einstein: “…most beautiful and profound emotion we can experience is the sensation of the mystical. It is the sower of all true science. To know that what is impenetrable to us really exists, manifesting itself as the highest wisdom and most radiant beauty – which our dull faculties can comprehend only in their primitive form – this knowledge, this feeling, is at the center of all religion.”

    Einstein’s Special Theory of Relativity is probably the best known scientific equation. I revised it to help better understand the relationship between divine Essence (Spirit), matter (mass/energy: visible/dark) and consciousness (fx raised to its greatest power). Unlike the speed of light, which is a constant, there are no exact measurements for consciousness. In this hypothetical formula, basic consciousness may be of insects, to the second power of animals and to the third power the rational mind of humans. The fourth power is suprarational consciousness of mystics, when they intuit the divine essence in perceived matter. This was a convenient analogy, but there cannot be a divine formula.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *