Breaking News U.S.A & America Latina — 18 settembre 2011
Guatemala: più di 200 autisti di autobus morti in un anno e mezzo

IT: Secondo una recente statistica, essere conduttore di autobus in Guatemala è molto pericoloso. Più di 200 autisti di autobus sono morti in anno e mezzo per essersi rifiutati di pagare ai malviventi la “quota di sicurezza”.

ESP: Según una reciente estadística, ser conductor de autobús en Guatemala es muy peligroso. Más de 200 chóferes de autobús han muerto en año y medio para no haber pagado a los criminales la “cuota de seguridad.”

Esistono professioni “borderline” che per loro natura  spesso guardano in faccia la morte. Pompieri, soldati, o impieghi a contatto  con sostanze o componenti pericolosi, sono nell’immaginario comune i lavori maggiormente a rischio , ma le statistiche offrono talvolta  un profilo spesso molto differente e controverso.

autobus in guatemala: Fonte foto Inrternet

Il  Guatemala attualmente si è trasformato in un campo di battaglia nel quale agiscono senza controllo bande armate, ed i famigerati cartelli della droga  messicani approdati recentemente nel paese centroamericano, che controllano attualmente il  90% della cocaina che transita nel  paese proveniente dagli Stati Uniti.

Le statistiche lasciano trasalire dati che delineano una situazione  all’estremo, dove a pagarne le conseguenze della  convulsa situazione politica, economica e sociale del paese è specialmente una categoria:  gli autisti di autobus. Più di 200 autisti di autobus sono morti in anno e mezzo per essersi  rifiutati di pagare ai malviventi la  “quota di sicurezza”.

Con quasi 50 assassini per ogni 100.000 abitanti, i livelli della violenza in Guatemala sono tra i  più alti del mondo superando  zone di guerra come Iraq o Afghanistan.

Le vedove degli  autisti si sono associate in una ONG per reclamare la dovuta giustizia per le vittime cadute sotto i colpi mortali dei malviventi, in un paese dove odiernamente le estorsioni a danno dei circa 3.000 autobus della capitale continuano a portare  nelle casse dei criminali  più di 70.000 euro settimanali .

“L’insicurezza nel paese  ha raggiunto livelli allarmanti” afferma dalle pagine del “The Washington Post” l’analista guatemalteco Fernando Girón Soto. “Per la maggioranza  dei cittadini”continua l’analista  “esistono solamente due tematiche: il lavoro e la sicurezza.”

José Choy autista venticinquenne, rimasto paraplegico in un agguato  ricorda la tragica notte nella quale alcuni individui armati salirono a bordo del suo  autobus e senza profferire una sola parola gli  spararono alla  schiena; “Solo ricordo di avere ascoltato vari spari, ma improvvisamente tutto si fece buio e da quel momento non ricordo più nulla”.

Prigioniero della sua sedia a rotelle, oggi  il giovane autista ringrazia nonostante tutto il destino che seppur cinico ed incomprensibile gli ha concesso di stare ancora  accanto alla sua amata famiglia.

 Abbonati Gratuitamente

Articoli Recenti

Condividi

Articolo scritto da:

Valia ama Cuba che è la sua terra di orignine, le sue tradizioni, il suo passato... " Questo sito per me è un ponte che collega la mia stanza alla mia amata Cuba..."Valia per ThisIsCuba è anche un'importante aiuto per le traduzioni in Spagnolo.

(0) Readers Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *