Breaking News U.S.A & America Latina — 11 dicembre 2011
Forte sisma in Messico causa tre vittime

IT: Quarantasette secondi interminabili. Terrore nella capitale Messicana, Ciudad del Mexico, quando ieri, un sisma con epicentro nella zona di Tlatelolco ha scosso la stabilità degli edifici oltre a quella emotiva della popolazione. Erano le 19,47 quando il sisma, a 68 chilometri di profondità ha colpito la zona di Guerrero. Il sisma ha causato la morte di tre persone. 

ESP: Quarentisiete segundo interminables. Terror en la capital mexicana, Ciudad del Mexico, cuando ayer, un sismo con epicentro en la zona de Tlatelolco ha sacudido la estabilidad de los edificios además de aquella emotiva de la población. Eran las 19,47 cuando el sismo, a 68 kilómetros de profundidad ha golpeado la zona de Guerrero. El sismo ha causado la muerte de tres personas.

Terremoto in Messico. Fonte foto internet.

Quarantasette secondi interminabili. Terrore nella capitale Messicana, Ciudad del Mexico, quando ieri, un sisma con epicentro nella zona di Tlatelolco ha scosso la stabilità degli edifici oltre a quella emotiva della popolazione. Erano le 19,47 quando il sisma, a 68 chilometri di profondità ha colpito la zona di Guerrero.

E’ qui che hanno perso la vita tre persone. Altre sembrano ferite. Solite incertezze che il tempo appurerà.

Pochi i danni di rilievo agli oggetti ed agli edifici. Un sisma di 6.8 gradi della scala Richter così come ha determinato il Servicio Sismológico Nacional (SSN). Ovvie le interruzioni dell’energia elettrica in alcune provincie dello stato di Guerrero, tra cui Zumpango del Río. Questa splendida cittadina, che deve il proprio nome agli aztechi, letteralmente “luogo del muro di teschi”, si è scontrata con un evento che ne ha scosso la tranquillità tipica.

Anche i telefoni cellulari hanno perso il segnale per pochi minuti. Poi dal dramma è riaffiorata la tecnologia, che è sempre più dura a morire. Anche là, nella disperazione, nell’evento drammatico, resta fondamentale ciò che lo è in ogni momento della nostra vita: la comunicazione. E poco c’è voluto perché arrivassero le comunicazioni ufficiali attraverso la via di comunicazione più moderna ed ambita. Twitter. E tutti a twitterare. Primo tra tutti il capo del distretto federale messicano, il democratico Marcelo Luis Ebrard Casaubón, che ha dato notizie sull’entità del sisma. Il Presidente Felipe Calderón, è intervenuto pochi minuti dopo con qualche notizia in più, rassicurando e dando a sua volta informazioni sul terremoto.

In questa rincorsa web Luis Ebrad, Presidente tra l’altro del World Mayors Council on Climate Change (WMCCC) , ha riferito che il terremoto non aveva danneggiato seriamente alcuna struttura pubblica e che la Metro, l’Aeroporto e il sistema idrico funzionavano con regolarità.

In queste ore si stanno registrando degli episodi sismici di assestamento. Ne sono stati registrati quattro in altrettanti punti della regione messicana.

Sono  già stati allestiti alcuni centri di accoglienza e di primo soccorso per via di alcuni “apagones” verificatesi e per dare un sostegno immediati ai bisognosi. A partire dai minuti successivi al movimento tellurico la gente si è riversata per le calli per reperire più facilmente informazioni con un veloce passaparola.

La Segreteria della Difesa Nazionale Messicana ha informato che l’Esercito e le Forze Armate avevano allestito dei presidi nelle zone del Paese a maggior rischio sismico in collaborazione con la Protezione Civile e la Croce Rossa.

Le tre persone vittime del terremoto sono tutte di Guerrero, così come ha dichiaratola coordinatrice della Protezione Civile, Laura Gurza. La prima vittima è un bambino investito dal crollo di un soffitto. La seconda un giovane venticinquenne il cui furgoncino è stato travolto da un crollo, al chilometro 287 della carretera direzione Acapulco. La terza vittima è un autista travolto da un masso.

Laura Gurza ha informato che cadute di oggetti e travi, alcune crepe negli edifici e le fughe di gas rappresentano ora il pericolo numero uno che potrebbe aggiornare il numero delle vittime. Ma ha d’altro canto invitato la popolazione a mantenere la calma. Il rischio di Tsunami e altre scosse di tale intensità sono molte basse, in quanto il sisma ha epicentro a notevole profondità.  

 Abbonati Gratuitamente

Articoli Recenti

Condividi

Articolo scritto da:

L'autore, ama viaggiare, conoscere e condividere le mille e più sfaccettature della realtà. Racconto nella totale indipendenza, un mix di attualità, scienza, rispetto dell’ambiente, progresso e tradizioni. La mia penna va sempre e comunque per la propria strada.

(0) Readers Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *