Breaking News Italia ed Europa — 20 dicembre 2010
Europa al freddo e al gelo: un Natale in aeroporto

Europa al freddo e al gelo: un Natale in aeroporto

ENG: Increasingly desperate travelers struggle to get home in time for Christmas. Europe’s key airports are  battling to dig their way out of snow and ice. (from CNN news)

L’Europa intera è ostaggio del maltempo. Il gelo ha imperversato e le correnti polari non hanno tardato a creare imponenti disagi all’enorme flusso di passeggeri in partenza per trascorrere qualche giorno di vacanza in concomitanza del periodo natalizio.

La situazione si protrae oramai da qualche giorno e negli aeroporti è la frustrazione e la disperazione il sentimento comune di chi trova sul percorso di rientro, neve e ghiaccio ad ostacolare i progetti.

Molti avrebbero già dovuto aver raggiunto le destinazioni programmate. Ma la realtà è un’altra.

Uno degli aeroporti internazionali più trafficati al mondo, quello di Heathrow è rimasto in balia delle condizioni atmosferiche. Quasi tutta la programmazione di voli è saltata e masse sterminate di bagagli e viaggiatori si sono riversate nelle sale d’aspetto, arenandosi dapprima per qualche ritardo isolato ed infine per qualche giorno. La cifra ufficiale di passeggeri coinvolti dai disagi all’interno dell’aeroporto ha toccato la quota di 200.000 unità.
Anche questa mattina, l’aeroporto di Healthrow sta subendo forti disagi, e solo una delle due piste è attiva.

L'avviso sul sito della compagnia inglese "British airways", avverte i passeggeri dei disagi che il maltempo sta provocando soprattutto all'aeroporto londinese di Heathrow

Per questo British Airways ha già comunicato, che i voli continueranno a subire forti ritardi anche nelle prossime ore. Per ovviare ad un accumulo di disagi, la compagnia inglese si appella a tutti coloro che non hanno urgenza o l’impellente necessità di viaggiare, e li invita ove possibile al rimborso del volo.
La comunicazione sul sito web prosegue invitando i passeggeri a “non recarsi all’aeroporto a meno che non abbiano avuto conferma della regolare operatività del volo prenotato”.

Va un po’ meglio per l’altro aeroporto di Londra, Gatwick, dove oggi i voli cancellati sono poco meno di una cinquantina. Anche in questo caso, il sito avverte delle forte ripercussioni sulla regolarità dei voli, anche se parla di graduale ripristino delle attività, pur avvisando i passeggeri di verificare online la regolarità del volo. Il Nord Europa resta il più colpito e verso tali destinazioni i disagi sono ancora molto frequenti. Basti pensare che il record per le temperature più rigide spettano al Nord dell’Irlanda che ha toccato i venti gradi sotto la zero nella giornata di domenica. I meteorologi hanno assicurato che anche nei prossimi giorni le temperature rimarranno stabili in tutti i paesi nordici.

All’aeroporto internazionale di Parigi, Charles de Gaulle, il 30% dei voli è cancellato. L’aeroporto tedesco di Francoforte, il terzo più importante d’Europa, ha già annullato 325 dei 1300 voli previsti. Sono al lavoro ininterrottamente, 450 dipendenti, impiegati nel mantenere le piste operative e nel coordinare tutti i disagi interni e quelli legati ai ritardi accumulati negli altri aeroporti.

voli cancellati appaiono sulla tabella online dei vari aeroporti europei. Anche i trasporti su strada e su rotaia sono affetti dalle pessime condizioni meteo

Il Governo francese ha anche deliberato il divieto di circolazione per i mezzi articolati e per i bus, in tutto il Nord del Paese. La rete stradale come quella su rotaia e ferro integrata è stata messa in ginocchio dalle precipitazioni nevose.

Anche la popstar americana, Lady Gaga, ha fatto sapere che i 28 tir che la seguono negli spostamenti per la preparazione del palco, sono stati costretti a fermarsi nelle scorse 24 ore.

Migliaia di camion stanno attendendo il permesso di entrare nella capitale francese, che da 20 anni non si trova a dover fronteggiare una emergenza maltempo come quella attuale.

I responsabili dei vari aeroporti europei hanno dichiarato che a fronte dei vari disagi, cibo, bevande e coperte sono già state messe a disposizione dei passeggeri rimasti bloccati nelle sale d’aspetto che sono diventate vere e rpoprie strutture ricettive.

Il maltempo dovrebbe affliggere l’Europa per altre 48 ore.

 Abbonati Gratuitamente

Articoli Recenti

Condividi

Articolo scritto da:

L'autore, ama viaggiare, conoscere e condividere le mille e più sfaccettature della realtà. Racconto nella totale indipendenza, un mix di attualità, scienza, rispetto dell’ambiente, progresso e tradizioni. La mia penna va sempre e comunque per la propria strada.

(1) Reader Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *