Breaking News Italia ed Europa — 04 settembre 2011
Dopo la fuga di cervelli dal Paese di Merda, ora è il turno di Berlusconi?

IT: Altra tegola in casa Italia. Dopo la fuga dei cervelli ora anche Berlusconi rischia di fuggire. Dovevamo prevederlo in fin dei conti. Noi Italiani sempre lì, pronti a insultarlo e criticarlo. Che popolo di qualunquisti!

ESP: Otro duro golpe en casa Italia. Después de la fuga de los cerebros ahora también Berlusconi amenaza de huir. Teniamos que preverlo … Nosotros italianos siempre listos a insultarlo y criticarlo…

Silvio Berlusconi. Fonte foto Internet

Tutti se la prendono con il Primo Ministro Silvio Berlusconi.

Anche personalmente, quando il discorso per strada o al bar vira nella descrizione della situazione in cui langua il Belpaese o il potere d’acquisto sempre più in contrazione, il termine Berlusconi non può praticamente essere omesso.
A prima vista sembra che tutti lo insultino, chi lo vota e chi non lo vota. Le lamentele sono associate a questo termine. Mi torna alla mente un fatto strano che era accaduto qualche anno fa. Una casalinga aveva subito una perdita della memoria in seguito ad un trauma cranico. Nei giorni a venire non ricordava nulla: chi fosse il marito, come si chiamassero i figli o i parenti. Volti privi di un significato preciso. Non s ricordava nulla…tranne una cosa. Si ricordava di Silvio Berlusconi che con l’arte comunicatoria che nel bene o nel male lo rende protagonista del teatrino politico all’italiana, rappresenta un punto fermo per la quotidianità di molti italiani.


Anche i più acerrimi nemici non posso che esserne affezionati. Alla persona, o quantomeno all’immagine di questo arzillo imprenditore politico tuttofare.
Per alcuni amici, che reputo intelligenti, Berlusconi è un genio. E’ una mente come poche. Berlusconi avrebbe dato una svolta all’Italia. Rimango impietrito.


Altre volte non mi è andata così bene. Il mio dissenso palese per il lavoro che Berlusconi e per i risultati scarni ottenuti ha fatto si che io abbia perso alcune amicizie, incapaci di tollerare delle critiche smosse verso il loro idolo. Meglio così.
Come elencare i milioni di scandali in cui il Presidente è caduto in questi anni? Troppo facile ricordarli. Li abbiamo tutti sin troppo presenti.
Ora nuove intercettazioni telefoniche lo gettano nell’occhio del ciclone, anche se in realtà sono più le modalità con cui ha espresso i concetti a far clamore che i concetti stessi, che possono effettivamente essere presi come uno sfogo personale più che come una reale interpretazione del volere del Premier.


Secondo quanto riferitoci prontamente riportato col sorriso sulla bocca dai giornalisti di tutto il mondo, Berlusconi in una conversazione telefonica con il giornalista Valter Lavitola ha detto “Tra qualche mese me ne vado da questo paese di merda, che mi fa vomitare”
L’interlocutore, per l’appunto Valter Lavitola ha poi ricevuto un avviso di garanzia per essere implicato nella storia che ha portato per dei tentativi di estorsione all’arresto di Gianpaolo Tarantini e di Angela Devenuto.
In ogni caso e questo non giustifica nulla, il contesto rende abbastanza demenziale l’accaduto. Quasi sicuramente si trattava di uno sfogo contro tutte le intercettazioni e le misure di controllo cui è soggetto lo stesso Berlusconi. Insomma diciamolo a chiare lettere. Berlusconi è una vittima che continua ad essere il bersaglio delle congiure perpetrate in modo estenuante dai giudici, dai pm, dai magistrati di sinistra, quelle maledette toghe rosse comuniste che invadono ogni angolo del mondo, pronte a divorare qualche bambino per saziarsi.
Quel che è certo è che ancora una volta, quel Paese di merda, l’Italia, ha fatto un’altra figura di merda. Sputtanati come siamo in tutto il mondo per essere gli elettori che permettono a Silvio Berlusconi di governare. Impensabile in altri Stati.

 Abbonati Gratuitamente

Articoli Recenti

Condividi

Articolo scritto da:

(1) Reader Comment

  1. Berlusconi? E’ un genio, unico super uomo.Pensiamoci bene prima di farlo scappare. Chi avrebbe detto e fatto quello che ha fatto lui, chi avrebbe pensato tante cose?
    Ma pensiamo davvero che l’Italia è così importante nel mondo? In America pochi sanno dove si trova. O meglio pochi conoscevano l’italia prima di Berlusconi e i russi la ignoravano.
    Ora in russia mi dicono che è stato allestito uno spettacolo dove le ragazze italiane gettano le mutandine al presidente. In Germania, Regno Unito e America fanno il Rubygate con 316, dico 316 comparse.
    Siamo famosi, dobbiamo solo essere attenti a non perdere questa occasione!
    Grazie Silvio, coraggio, vai avanti.
    Alla prossima botta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *