Cuba: previsto aumento dei lavoratori “cuentapropistas”

ESP: Cuba prevé incrementar en más de 200.000 la cifra de trabajadores no estatales o “cuentapropistas”  durante el 2012. Al cierre de abril pasado 385.775 personas en la isla ejercían el trabajo no estatal o por cuenta propia, según los datos del ministerio del Trabajo y Seguridad Social.


Secondo le ultime stime riportate dal  quotidiano statale cubadebate,  si prevede che i lavoratori  in proprio (“cuentapropistas” )  a Cuba nel 2012 aumenteranno di circa 200.000 unità.

Le stime, redatte dal Ministero del Lavoro e Sicurezza Sociale cubano, riferiscono anche che  secondo gli ultimi dati risalenti al recente mese di  Aprile,  le persone  che hanno intrapreso il percorso lavorativo non statale sono in totale   385.775. Di queste, il 67% sono alla loro prima esperienza lavorativa.

Tra le mansioni preferite  da questa” nuova” generazione di lavoratori in proprio, non traspare nulla di assolutamente nuovo per l’isola caraibica.   Tra le 178  attività permesse  spiccano,  la preparazione e vendita di cibi, il trasporto di passeggeri, la vendita  ambulante  di prodotti agricoli e l’affitto di camere.

L’Avana e le province di Matanzas, Villa Clara, Holguín e Santiago di Cuba raggruppano il 65 percento del totale di chi ha optato per il lavoro non statale.

L’incremento dei lavoratori “cuentapropistas” come vengono chiamati nell’isola, è la naturale  conseguenza delle  aperture volute dal governo cubano,  decise durante il VI Congreso del Partito Comunista svoltosi nell’aprile scorso.

 Abbonati Gratuitamente

Articoli Recenti

Condividi

Articolo scritto da:

È da “sempre” in contatto con l’isola cubana che ama quanto il suo paese. Sposato da più di due lustri con una cittadina cubana , affonda per passione, parte del suo quotidiano nella ricerca e nello spassionato approfondimento della realtà dell’isola caraibica. Francesco, ama particolarmente di Cuba l’aspetto poetico, romantico, che perdura nel tempo nonostante tutto, e che sa cogliere ogni qual volta si reca nell’isola. Cosciente, ed informato della realtà cubana, vuole attraverso questo sito, apportare il suo contributo informativo , contrapponendo la sua visione “romantica” ,con la difficile realtà del quotidiano cubano.

(0) Readers Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *