Breaking News L'editoriale — 01 settembre 2012
Cuba. Cosa fa Yoani Sanchez?

Fidel Castro durante l’incontro con Benedetto XVI chiese “Che cosa fa un Papa?”. Una domanda di pochi istanti, davanti alle telecamere. Yoani Sanchez, la blogger antigovernativa, ha scritto un articolo in cui si chiede ridicolizzando quella che definisce “una domanda infantile” di Fidel, “che cosa fa un Presidente”, riferendosi a Raul Castro. Il ragionamento è bizzarro e la domanda che sorge spontanea è “Che cosa fa Yoani Sanchez? 

dove prende i soldi e qual’è la sua alternativa politica? Il lavoro della ragazza è demolire e non costruire. Ridicolizzare e non proporre. Lamentarsi ed osservare a senso unico, cercare il marcio e con esso avvalorare la propria sterila tesi disfattista. 

Eppure ha un servizio di traduzione tutto suo, Italia compresa. Quale blogger, in tutte le democrazie mondiali a cui Yoani si ispira, può vantare un tale privilegio?

 

 Abbonati Gratuitamente

Articoli Recenti

Condividi

Articolo scritto da:

L'autore, ama viaggiare, conoscere e condividere le mille e più sfaccettature della realtà. Racconto nella totale indipendenza, un mix di attualità, scienza, rispetto dell’ambiente, progresso e tradizioni. La mia penna va sempre e comunque per la propria strada.

(6) Readers Comments

  1. evidentemente lei non ha ben chiaro che essere un blogger a Cuba sotto la dura dittatura dei Castro non è facile, ovvio che la signorina Sanchez ha dei traduttori e ci mancherebbe, bisogna fare sapere al mondo la verità su Cuba. In ogni caso ammesso che lei ritenga che Cuba è un paese libero non capisco per quale motivo una blogger non debba esprimere le sue opinioni liberamente, fossero anche antigovernative, come avviene tutti i santi giorni in qualsiasi paese libero in democrazia.

  2. Renato probabilmente lei non ha ben chiaro di quale potere mediatico gode il blog della Sanchez proprio dal quella dittatura feroce che lei denigra.. Non è tutto “libero” ció che luccica..!

  3. La Sanchez piu’ che una giornalista è una iena che aspetta da anni un cambiamento del potere politico a cuba e la morte di Castro. Posso immaginare la sua frustrazione nel vedere che cio’ non avviene. Critiche spesso risibili a Fidel non sono mai accompagnate da uno straccio di programma o da una critica al vergognoso Embargo che da 50 anni umilia il popolo Cubano. Probabilmente i traduttori del suo Blog sono pagati dalla Cia!

  4. Allora, come al solito la ragione sta nel mezzo, avrebbe detto mia nonna. Raul Castro sta cercando di cambiare la situazione di Cuba, proponendo un cambio alla ” cinese ” . Anche perchè i Cinesi si stanno comprando tutta l’isola ( vedere le pantagioni di Matanzas ) . La Sanchez, spesso non sono d’accordo con quello che scrive, nenche totalmente d’accordo con quello che ha scritto nel suo libro, ( conosci il tuo avversario per poterlo sconviggere ) fa del suo blog dei racconti giornalistici, ricordiamo che ha lasciato La Svizzera , dove stava molto bene, per tornare alla propria terra , cercando con il suo ritorno di dare inizio al cambiamento, diamo a Cesare cio’ che e’ di Cesare. Cerchiamo di essere positivi, i cambiamenti di Raul sono iniziati e prossimamente si vedrà una Cuba migliore di oggi.

  5. Yoani chiede una Cuba libera e democratica , dove tutti abbiano diritto a dire quello che pensano senza essere condenati. se llama tambien Libertad de expresion, Democracia, ecc
    Generacion Y y otros blogs provenientes de Cuba vienen traducidos
    Gratis por quienes los apoyan, y sostienen.
    A ustedes estas cosas no les entran en la Zucca.
    Saluti

  6. Dove vivi? Yoani chiede soldi, bigliettoni verdi, dollarazzi. Bauco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *