L'editoriale Viaggiare a Cuba — 12 agosto 2010
Cuba: “chiari e scuri” di un paese straordinario

 

cuba2010-68

Fonte foto: Francesco. ( Mogote Viñales )

HIGHLIGHTS:
[IT] Una breve e sincera riflessione che vuole mettere in evidenza anche se parzialmente parte della realtà dell’isola caraibica. Cuba tra chiari e scuri nell’esperienza di viaggio dell’autore dell’articolo.
[ESP]Una breve y sincera reflexión que quiere poner en evidencia aunque se parcialmente parte de la realidad de la isla caribeña. Cuba entre claros y oscuros en la experiencia de viaje del autor del artículo.


Sono da poco ritornato da Cuba. La mia Cuba, come amo definirla. Erano due anni che non ci andavo.  Due anni nei quali,  onestamente mi è mancata molto, dove le mie “boe di salvataggio” erano internet  o le  poche conversazioni telefoniche che riuscivo  a fare  con i miei famigliari cubani.

Molto spesso a Cuba ,  mi trovavo a riflettere  sulla qualità della mia obiettività,   nei confronti della complicata situazione che l’isola  quotidianamente deve affrontare . Penso che fosse e che sia una necessità naturale della mia coscienza.

In questa mia ultima vacanza non ho detto una sola parola quando si discuteva anche animatamente su tematiche politiche o più  semplicemente di problemi quotidiani, ho voluto ascoltare, ascoltare ed ascoltare,  immergermi silenziosamente nei  problemi ,  cercando fin dove mi era possibile di immedesimarmi. Per  tanto che se ne voglia dire noi “fortunati del 1° mondo” per molto che ci sforziamo,  non capiremo mai cosa significhi vivere nella povertà.  Noi occidentali spesso confondiamo certi costumi come pittoresche abitudini di un popolo che ha deciso di vivere così,  “a lo loco” come direbbero i cubani.

Ma non è così.

La mia Cuba, come succede   nella normalità delle cose,  sta cambiando, la gente ed il loro approccio con la vita sta cambiando , Cuba non è più la stessa di 15 anni fa, quando la conobbi. Il problema maggiore  forse non è nel cambiamento ma nella velocità con cui i cambiamenti stanno avvenendo, spinti  sicuramente dal forte  desiderio del popolo cubano di trovare una serenità politica con il vicino nord, di vivere senza le complicanze prodotte da  un datato dualismo politico, e di poter soprattutto godere di  una meritata e maggiore serenità economica .

Spesso sentivo dire dalla gente con la quale discutevo  che “el embargo somos nosotros  mismo”, cioè, l’embargo è lo stesso cubano che lo produce. La chiave di lettura di questa affermazione, deve essere interpretata ma  non posso che esserne anche se in parte, d’accordo. Imputare tutta la colpa ad un embargo anche se schifoso, anacronistico, assolutamente ingiusto, e che spero vivamente  venga tolto incondizionatamente al più presto  ,  è quanto  di più sbagliato vi sia. Non è cosi che si possono risolvere i problemi nell’isola.   Non serve essere particolarmente perspicaci,    per capire che il meccanismo statale cubano  è spesso bloccato o rallentato,   dall’inettitudine voluta o dalla inefficienza  di chi vi lavora, o dall’immensa perdita di materiale, di cibo, materie prime  ecc. che dovrebbero  andare a riempire i negozi cubani e che invece  vengono rivendute nel  mercato nero da chi se ne appropria furtivamente. Ovviamente non tutti i cubani agiscono in questo modo, ma purtroppo è  un aspetto che aggrava  la già difficile situazione di un paese  con dei seri problemi economici. “Noi cubani dobbiamo essere stimolati” , dicono in molti,  stimolo che ha solo un sinonimo: denaro.  È innegabile  comunque che  “el bloqueo” quello imposto dal governo nordamericano in tutto questo gioca la sua parte e che le difficoltà per ovviare a questa vile   condanna che sembra non aver mai fine ,  porti a determinate conseguenze e logiche,  che poi  inevitabilmente si riversano su tutta quanta la popolazione creando mentalità e modus operandi viziati.

Cuba comunque mi lascia sempre affascinato, spesso senza fiato, per la sua storia per i suoi  traguardi che ha saputo raggiungere nonostante tutto, anche se attualmente sto  combattendo una mia battaglia interiore verso determinate situazioni che  non hanno  nulla o poco a che vedere con l’embargo e che mi hanno lasciato dell’amaro in bocca.

Ad esempio per citarne alcune,  capire il perché ai cittadini cubani lo stato non permette   di portare gli stessi chili in valigia  concessi ad un turista comune. Ad esempio io con Air France  ne potevo portare 40 mentre a mia  moglie cubana lo stato  ne concedeva 30(ad entrambi Air France  concedeva 40 kg).  All’arrivo all’aeroporto  poi  quasi tutti i cubani venivano fermanti, controllati  in modo quasi imbarazzante , creando anche situazioni di tensione, al contrario dei turisti   che passavano la dogana aeroportuale molto più facilmente. La logica imporrebbe  il contrario, ossia vista l’indigenza del paese, il cittadino cubano dovrebbe essere favorito per lo meno  con il peso del bagaglio.

Oppure, vedere il riso alimento basico della dieta cubana raddoppiato nel prezzo (nel mese di luglio) ed introvabile nelle botteghe in “ Moneda Nacional” quelle riservate ai soli cubani per capirci, ma di trovarlo nelle dispense dei supermarket in C.U.C. che ha lo “stesso”  valore del dollaro, a prezzi praticamente impossibili per la gente comune , o capire  perche una signora anziana non possa vendere alla luce del sole,  dei vestiti ed altre cose di sua proprietà, con l’unico obiettivo di arrotondare la  pensione  che ritira mensilmente, mentre gli studenti  esteri  che studiano nell’isola  siano liberi di vendere quello che più gli fa comodo,  tra le varie cose anche mercanzie provenienti dalla università dove studiano. E non dimentico il mio amico Ivan che ha dovuto chiudere il suo negozio particular di Barbiere per l’aumento spropositato di tasse , cosa  normale da noi,  ma che mi fa un po’ rattristare se penso che tra le prime cose fatte  nel lontano 1959 vi era l’abbassamento del 50% degl’affitti delle abitazioni.

E poi in conclusione  mi chiedo, per quanto tempo durerà la doppia moneta,  spada di Damocle che pende sull’economia famigliare di ogni cittadino cubano ?

Questa mia breve  descrizione non rappresenta la visione globale dell’isola e per questo tengo a precisare che il mio breve scritto non vuole essere assolutamente sullo stile degl’articoli della bloguera Yoany Sanchez, stile che tra l’altro  non condivido per la sua estrema settarietà. Al contrario il mio modesto  obiettivo è di osservare anche l’altro lato della medaglia, di un sistema che mi ha affascinato e continua ad affascinarmi, e che seppur  criticato, spesso per questioni d’interesse, attualmente è fonte d’ispirazione per tanti stati latinoamericani.


 Abbonati Gratuitamente

Articoli Recenti

Condividi

Articolo scritto da:

È da “sempre” in contatto con l’isola cubana che ama quanto il suo paese. Sposato da più di due lustri con una cittadina cubana , affonda per passione, parte del suo quotidiano nella ricerca e nello spassionato approfondimento della realtà dell’isola caraibica. Francesco, ama particolarmente di Cuba l’aspetto poetico, romantico, che perdura nel tempo nonostante tutto, e che sa cogliere ogni qual volta si reca nell’isola. Cosciente, ed informato della realtà cubana, vuole attraverso questo sito, apportare il suo contributo informativo , contrapponendo la sua visione “romantica” ,con la difficile realtà del quotidiano cubano.

(1) Reader Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *