Chavez rientra dal Venezuela dopo trattamento chemioterapico

Il Presidente venezuelano Hugo Chavez ha fatto rientro in patria sabato notte, dopo aver concluso il primo ciclo di trattamenti a cui si è sottoposto a Cuba per “immunizzare” il proprio corpo da cellule cancerose.

Ieri, domenica 24 luglio, Chavez era presente alla commerazione per il 228esimo anniversario della nascita dell’eroe della Patria, Simon Bolivar dove si è congratulato anche con i giocatori del Venezuela per il grande impegno e professionalità dimostrata nel corso della Coppa America.

Lo stesso Capo di Stato ha poi riferito che gli esami effettuati non hanno evidenziato alcuna traccia di cellule tumorali. “Questo non toglie” ha proseguito rispondendo alla domanda di un bambino che lo ha interpellato realtivamente al suo stato di salute “che il ciclo di chemioterapie a cui mi sto sottoponendo deve essere seguito con la massima diligenza. Il fatto che vada tutto bene, non vuol dire che il rischio non sia presente”.

Chavez ha approfittato per ribadire che il recupero d’uno stato di salute piena è rpoiettato sempre al bene della Patria, che deve sempre lavorare e applicarsi per mantenere vivi gli intenti della Rivoluzione bolivariana.

Il presidente venezuelano Chavez recentemente a Cuba, con Raul e Fidel Castro.fonte foto:internet

Non sono mancati gli elogi all’equipe medica di Cuba e al medico speciale, suo amico Fidel Castro, ed ha voluto anche ricordare che Elías Jaua, il vicepresidente, ha ora la facoltà di espropriare, secondo quanto previsto dalla legge dei Costi e dei Giusti Prezzi. Poteri, che gli sono stati delegati, proprio per via della malattia che ha colpito il mese scorso il Presidente Chavez.

 Abbonati Gratuitamente

Articoli Recenti

Condividi

Articolo scritto da:

L'autore, ama viaggiare, conoscere e condividere le mille e più sfaccettature della realtà. Racconto nella totale indipendenza, un mix di attualità, scienza, rispetto dell’ambiente, progresso e tradizioni. La mia penna va sempre e comunque per la propria strada.

(0) Readers Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *