Breaking News U.S.A & America Latina — 04 dicembre 2011
Biografo di Ernesto Guevara dona il suo archivio privato

Il famoso scrittore messicano, Paco Ignacio Taibo II, ha deciso di donare all’Università Autonoma del suo paese, tutto il materiale che ha raccolto ed archiviato nell’arco di 20 anni a riguardo di Ernesto Guevara.

ESP: El famoso escritor mexicano, Paco Ignacio Taibo II, ha decidido donar a la universidad Autónoma de su país, todo el material que ha archivado en 20 años sobre Ernesto Guevara.

 

Il famoso scrittore messicano, Paco Ignacio Taibo II, ha deciso di donare  all’Università Autonoma del suo paese, tutto il materiale che ha raccolto ed archiviato nell’arco di 20 anni a riguardo di  Ernesto Guevara. Tutto il materiale   andrà a far parte del patrimonio del “Centro Académico de la Memoria de Nuestra América, de la casa de altos estudios”.

Lo scrittore conosciuto qui in Italia soprattutto  per il suo libro  “Sin Perder la Ternura”  (Senza Perdere la Tenerezza)  che descrive dettagliatamente la vita del CHE, donerà 368 libri, delle riviste e delle fotografie,  che come lui stesso afferma, ora saranno a disposizione  di chi desidera studiare  come  ho fatto io, la vita del comandante Ernesto Guevara.

Nel  1989 Taibo II, pubblico la sua prima ricerca dedicata al CHE intitolata “La batalla de Santa Clara”, e nel 1994  “El año que estuvimos en ninguna parte: La guerrilla africana de Ernesto Che Guevara” .La donazione del materiale sarà ufficializzata da una cerimonia che si svolgerà nella stessa università messicana, lunedì 5 Dicembre.

 

Si è celebrato ieri, sabato 3 Dic.  nel porto messicano di Tuxpan,  il 55 anniversario della famosa  spedizione  del yate Granma. Da questo stesso porto salparono alla volta di Cuba gli 82 revolucionarios   capitanati da Fidel Castro, con il fine di combattere il dittatore  Fulgencio Batista.

La spedizione arrivò in terra cubana nel dicembre del 1956. Tra gli 82 rivoluzionari che salparono dal molo messicano vi erano Raúl Castro, Ernesto Guevara, Camilo Cienfuegos, Ramiro Valdés, e Juan Almeida. Nomi importanti che posero le basi del Esercito Rebelde che qualche anno più tardi,  nel 1959,  riuscì a mettere in fuga il tanto odiato dittatore Batista.

 Abbonati Gratuitamente

Articoli Recenti

Condividi

Articolo scritto da:

Valia ama Cuba che è la sua terra di orignine, le sue tradizioni, il suo passato... " Questo sito per me è un ponte che collega la mia stanza alla mia amata Cuba..."Valia per ThisIsCuba è anche un'importante aiuto per le traduzioni in Spagnolo.

(2) Readers Comments

  1. Sul Granma mi risulta ci fosse anche l’italiano Gino Donè (di San Donè di Piave ?). Mi sembra anche avesse salvato la vita al Che… Senza perdere la Tenerezza. Mai.

  2. ciao Pierpaolo certo che gino era sul Granma…ho avuto la fortuna di conoscerlo…grande personaggio sicuramente..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *