A Cuba per il Vidatox – Testimonianze parte IV

IT: A seguire una testimonianza diretta di chi si è recato a Labiofam per reperire il medicamento Vidatox. La spiegazione è un ottimo contributo per chi desidera essere informato con chiarezza.

ESP: A seguir un testimonio directo de quien  ha ido a Labiofam para hallar el medicamento Vidatox. La explicación es una óptima contribución por quien desea ser informado con claridad.

  • Quando ti sei recata a Cuba per reperire il medicamento?

6/7 e 8 febbraio 2011

  • Secondo l’ultima testimonianza raccolta la distribuzione del medicamento avveniva presso Calle 100y Ojo de Agua, Municipio Arrojo Naranjo dal lunedì al giovedì (8-12). Sono ancora valide queste informazioni?

Si, esatto

  • A che ora ti sei recata a Labiofam e quanto hai dovuto attendere per la consegna?

Sono arrivata alle 4 del mattino, ma non serve. Anche se si arriva alle 8/9 va bene lo stesso. Prima di me c’erano già 7 persone. Hanno aperto i locali per farci sedere verso le 8 del mattino e la distribuzione è iniziata verso le ore 9. Eravamo in tutto circa 30 persone (4/5 cubani ed il resto tutti italiani) e ci hanno assicurato che tra le ore 10 e le 11 avrebbero finito come poi è stato. La mia visita è durata circa 5  minuti e ho potuto constatare che vi sono più medici che ricevono contemporaneamente. Non serve farsi tradurre alcun referto medico perchè i termini medici sono di origine latina e comprensibili in qualunque lingua e perchè c’è una dottoressa preposta per gli italiani. E’ sufficiente l’ultima PET, il documento del paziente, perchè è confrontato con il referto, e volendo la delega. Io ho portato molti referti, asseveretati per una spesa inutile di 289 euro.

  • Come ti sei organizzata per recarti a Cuba?

Io non potevo permettermi di restare a cuba per più giorni perchè mia madre era grave e perchè non avevo molti soldi, e desideravo tornare a casa il più presto possibile. Così ho seguito i consigli di alcune amiche che erano andate per lo stesso motivo a Cuba lo scorso ottobre, e che dopo aver ritirato il farmaco si erano anticipate il rientro pagando una mora. Così, su loro suggerimento ho fatto un solo biglietto di andata, decisa ad acquistarne uno di rientro dopo aver preso il farmaco, commettendo due errori che fortunatamente non hanno ritardato il mio rientro. Sul sito dell’aeroporto avevo letto che vi erano delle agenzie di viaggi, quindi ero convinta che avrei potuto acquistare un biglietto di rientro presso di loro, ma queste agenzie organizzano solo giri turistici per l’isola e le agenzie di viaggi vere e proprie sono nelle città, a circa 25 km dall’aeroporto, luogo da cui io non volevo allontanarmi, perchè volevo rientrare con il primo volo disponibile. Nell’aeroporto ci sono solo gli uffici delle principali compagnie aeree aperte di solito in concomitanza con gli arrivi e partenze dei loro aerei, così io dalle ore 10,30 del mattino, momento in cui sono entrata in aeroporto dopo aver ritirato il farmaco alla Labiofarm ho atteso sino alle ore 18,30, perchè all’ufficio informazioni mi avevano detto che per rientrare a Milano Malpensa, destinazione che io indicavo, dovevo recarmi alla blu panorama, che ha aperto verso le ore 18,30, perchè il loro primo volo era intorno alle ore 20,45. (poi ha tardato alle ore 21,30).

Premetto che io sono arrivata al Jose Marì, il 6 febbraio di sera, e subito mi sono recata seguendo le indicazioni del box informazioni alla blu panorama, che mi aveva assicurato che per la sera successiva c’erano posti sull’aereo di rientro, ecco perchè mi sono recata decisa dalla Labiofarm all’aeroporto e poi li ho atteso che aprissero i loro uffici.

Il secondo errore è stato quello di cercare un albergo vicino all’aeroporto o alla zona Las Vegas dove si trova la Labiofam, ma sono due quartieri, che anche se vicine, circa distanti fra loro 15 km, sono isolate e prive di alberghi. Quello più vicino che ho trovato era nella zona residenziale di Miramar a 25 km dall’aeroporto, cioè la zona dei congressi e quindi molto isolata, per questo consiglierei chi deve andare  di puntare sull’Havana Vieja, in modo di trovare qualsiasi cosa gli serva oppure di affidarsi ai cubani che all’interno dell’aeroporto chiedono cosa ti serve, dove vuoi andare e spiegando che vuoi restare nella zona, possono portarti nelle case particular vicine.

  • Quanto hai speso per il viaggio?

456 euro di andata e 356 di rientro. 25 euro per l’assicurazione, 25 per il visto, perchè mi è stato fatto immediatamente piuttosto che aspettare 15 giorni, e circa 20 euro per la tassa di espatrio che si paga dentro l’aeroporto dell’Havana. Purtroppo io sono rimasta isolata telefonicamente e non potevo contattare la mia famiglia, perchè l’unico punto internet accessibile era dall’altra parte della dogana, cioè quando ci si sta per imbarcare, e comunque le e-mail spedite non giungono  in tempo reale, perchè quella che io avevo inviato a casa verso le 21,30 ora cubana è giunta ai miei familiari alle ore 12,30 del mattino dopo, altrimenti eravamo rimasti d’accordo con la mia agenzia, che se fossi riuscita a partire il 7 febbraio, mi avrebbero fatto loro un biglietto di rientro del costo di 260 euro, inviandomi un codice con il quale presentarmi al check in e con quello avrei avuto il biglietto di rientro per l’Italia.

  • Come hai raggiunto Labiofam? Quanto costa il tragitto a/r?

Sono stata fortunata. Uscita dall’aeroporto, seguendo i consigli letti su internet, ho chiesto un taxi cubano, cioè quelli legali, che mi ha chiesto dove dovevo andare. Gli ho mostrato l’indirizzo dell’albergo e accennato che ero lì per Vidatox. Così lui mi ha detto che per 50 CUC mi avrebbe portato il mattino successivo dall’albergo alla Labiofam e poi all’aeroporto.

In tutto con 80 CUC, perchè 10 glieli ho dati di mancia, ho avuto un taxi che mi ha tenuto il bagaglio in macchina dal mio arrivo all’Havana al momento in cui sono rientrata all’aeroporto il mattino successivo, suscitando l’invidia di altri italiani, che spendendo più o meno la stessa cifra, non avevano un taxi continuamente a disposizione o erano abusivi.

  • Che impressione ti ha fatto la struttura in cui viene dispensato il medicamento? (organizzazione dei locali, delle procedure, del personale addetto alle informazioni)

Molto semplice, ma ben organizzato. Li abbiamo un po’ indisposti perchè come italiani abbiamo fatto un po’ di caos con quelli che arrivavano e passavano davanti, ma è andato comunque tutto bene. L’unica coda lunga è stata nella farmacia adiacente agli ambulatori dove si fanno le visite, per ritirare l’integratore. Ma non mi sono mai sentita sola o abbandonata, perchè eravamo tutti italiani e perchè la gente del posto è capace di capirti e di anticipare le tue richieste, quali cambiare gli euro in CUC o portarti dove hai bisogno. (naturalmente alcuni mi hanno raccontato che i tassisti hanno tentato di portarli altrove  rispetto agli alberghi prenotati  o di presentargli alcune prostitute)

  • Che impressione ti hanno fatto i medici con cui quali hai potuto interloquire?

Il colloquio è durato poco, circa 5 minuti per cui non ho elementi per poter dare un giudizio. E’ stata vista solo la PET di mia madre, la fotocopia del suo documento e chiesto di portare la prossima volta che torno una nuova PET per confrontarla con quella che ho lasciato.

Non credo che abbiano il tempo materiale per analizzare ogni singolo caso con un attenzione particolare e che applichino il farmaco secondo determinati protocolli o secondo le patologie lette sui referti.

  • Mi confermi che il Vidatox è ancora gratuito?

Si, è gratuito, mentre gli integratori costano un pesos a bottiglia. Personalmente ho speso 3 pesos in tutto.

  •  Che accorgimenti vanno presi per la corretta conservazione di Vidatox?

Deve essere tenuto tra i 2 e 8 gradi centigradi, lontano da fonti elettromagnetiche e dal body scanner. Quando lo si attraversa, si consegnano i flaconi una guardia che evita l’esposizione ai raggi X o alle onde millimetriche. Io  ho tenuto i flaconi all’interno della borsa a tracolla e credo che si siano mantenute ad una temperatura fresca. Comunque come accorgimento visto che si va incontro alla stagione calda, consiglierei di avvolgerle in alluminio e in valigia, perchè lì le temperature sono più basse.

  • Come lo si assume?

Per mia madre è stato disposto l’assunzione del Vidatox 5 gocce sub-linguali ogni 8 ore e 3 volte al giorno 5 ml di Vimang, mezz’ora dopo i pasti.

  • Con che documentazione ti sei presentata? Quale ti è servita e quale invece è risultata essere superflua?

Ho portato più referti e analisi del sangue, fotocopia del documento mio e di mia madre e la sua delega. Per far autenticare i referti ho speso inutilmente 289 euro, spesa che avrei preferito evitare.

 Quel che pertanto posso dirvi è di portate tranquillamente l’ultimo referto, quale una PET o Tac, delega e fotocopie documenti, senza alcuna traduzione, perchè c’è una dottoressa dedita agli italiani e perchè sono in grado di capire i termini medici.

  • Come avviene il colloquio con il medico? Avviene in un ufficio? Hanno possibilità di organizzare il proprio lavoro usufruendo di pc o altro?

Il colloquio avviene in un ambulatorio piuttosto semplice dove non sono presenti PC, materiale elettronico o altre strumentazioni moderne. La Dottoressa ha letto il referto della PET e prescritto la cura chiedendomi la prossima volta che torno di portare una nuova PET per vedere lo stadio della malattia.

  • Hai per caso visto come e dove vengono conservati i flaconi?

No, avrei voluto vedere dove vengono conservati, ma sono rilasciati all’ingresso della Labiofarm dove ci si presenta con la scheda rilasciata dal medico.

  • Quante boccette ti sono state consegnate?

Due.

  • Devi conservare qualche documento per eventuali ritorni a Labiofam e dover così riportare solo gli eventuali aggiornamenti alla cartella clinica già consegnata?

Mi è stato consigliato di riportare la loro prescrizione ed una nuova PET

  • Ti sei imbattuta in persone che hanno cercato di venderti il prodotto dentro o fuori da Labiofam?

Si fuori dalla Labiofarm, 20 euro 2 bottigliette, ma ho avuto paura che magari non era Vidatox e che quindi avrei acquistato qualcosa di fasullo, ma se il farmaco era quello originale, sarebbe stato un affare, perchè ogni flaconcino ha la durata di un anno.

  • Hai comperato anche il Vimang, acquistabile presso la farmacia a fianco del centro distribuzione? Quanto costa?

Si, tre bottiglie per un pesos cadauna.

  • Hai notato qualche miglioramento da quando tua madre ha iniziato ad assumerlo?

Ha iniziato martedì sera. Da venerdì sembra che si stia riprendendo.

  • Il medicamento è un preparato la cui efficacia antitumorale non è ancora stata provata in modo scientifico. Lo stesso CTD e la documentazione generalmente richiesta a supporto di un valore clinico indubbio del medicamento non è stata presentata ufficialmente. Alla luce della reale conoscenza del medicamento, credi che le aspettative dei paziente siano esagerate?

Si, credo che in parte le aspettative siano esagerate, ma che comunque il medicamento abbia una probabile efficacia. Mi sono confrontata con persone che tornavano per una seconda e terza volta, in seguito a miglioramenti riscontrati dai loro familiari. Avevano affrontato meglio la chemioterapia alla quale ugualmente si sottoponevano insieme all’assunzione del Vidatox, invece di subire gli effetti devastanti che avevano subito prima di iniziare questa cura integrativa.

  • Quali sono le difficoltà nel viaggio in cui un “non-esperto viaggiatore” può imbattersi principalmente?

I miei errori sono stati i tipici del viaggiatore non esperto: non essermi assicurata una scheda telefonica internazionale, ed avere un massimale basso di prelievo giornaliero con la mai carta prepagata, che mi è servita per prelevare da un cash despenser nell’aeroporto il contante per acquistare il biglietto di rientro. Dopo due prelievi (di 150 cuc), ho raggiunto il massimale e ciò non mi permesso di prelevarne altro. Fortunatamente avevo ancora contanti a per l’acquisto del biglietto aereo.

 Abbonati Gratuitamente

Articoli Recenti

Condividi

Articolo scritto da:

L’autore, ama viaggiare, conoscere e condividere le mille e più sfaccettature della realtà. Racconto nella totale indipendenza, un mix di attualità, scienza, rispetto dell’ambiente, progresso e tradizioni. La mia penna va sempre e comunque per la propria strada.

(63) Readers Comments

  1. mi aggrego a quanto sopra, io sono tornato il 17 febbraio, e mia mamma ha iniziato il trattamento, speriamo bene
    ho avuto meno difficolta del testimone..

  2. Ciao ragazzi,

    tenevo a precisare che la farmacia di Ojo de Agua apre da LUNEDI’ a VENERDI’, orario 7:00 – 15:00, i medici ricevono dalle 8:30.
    Inoltre, ho caricato un video che dovrebbe spiegare tutto al seguente indirizzo:

    http://www.youtube.com/watch?v=RWGiYcwASu0

    E’ l’unico modo che ho trovato per condividere il video con voi e con tutti gli interressati.
    Sto caricando anche la spiegazione dell’omeopata di Labiofam su come assumere correttamente il Vidatox.
    Ciao
    Ale

  3. Dunque vorrei fare un aggiornamento, con ieri sono essattamente 2 settimane che mia mamma sta prendendo il cosidetto veleno, premetto, mia madre e in cura da 8 anni, cancro partito da intestino, operata piu volte, poi e passato al fegato con una dimensione di 6 cm. attuali e polmoni, vari linfonodi e atttualmente in metastasi sparse, il 04/02 le sono state sospese le chemio perche oramai inutili secondo gli oncologi e tra l’altro non le sopporta piu e stata messa in lista per una terapia al Niguarda di Milano che si chiama regorafenib,pero non accetttata per lo stato avanzato della malattia. da li e nata la mia spinta a convincerla a far uso del medicamento,(io sono sempre stato propenso a le cure alternative,lei no)al mio arrivo da Cuba la situazione era che mia mamma gia non usciva da casa perche molto debole, ora invece SECONDO LEI SI COMINCIA A SENTIRE DIVERSA, SI SENTE MOLTO MENO DEBOLE DI PRIMA E HA COMINCIATO A USCIRE, LE E CAMBIATA L’ESPRESSIONE IN VISO E SI SENTE PIU RILASSATA.
    Alla vista di tutto cio mi permetto di scrivere quanto sopra,il tutto non vuol dare false speranze ne a me ne a le altre persone, so che e presto per cantar vittoria, ma e gia una differenza, ringrazio questo sito che mi ha fornito indicazioni utili, anche se per me e stato piu semplice, vivendo in Peru da 5 anni andare a Cuba e fare tutta l’operazione, ma questo sito e sicuramente un faro che illumina il cammino per le persone disperse nel buio.
    per qualsiasi informazione luca.jasmine@gmail.com oppure 3315659421
    grazie
    Luca Macuglia

  4. c’è qualcosa che non mi quadra in questa testimonianza. io sono andata il il 7 febbraio a prendere il farmaco. innanzitutto quella mattina hanno chiesto un contributo di 1 peso cubano per ogni flaconcino di vidatox. non solo a me, ma a tutti quelli che erano li’.
    in secondo luogo il vimang, l’antiossidante l’abbiamo pagato 26 pesos e non 1 peso. quindi o c’è qualche imprecisione nella testimonianza qua sopra oppure alla labiofam sono meno attendibili di quello che pensavo!

  5. a Raffaella,
    non ce nulla che non va la Labiofam chiede un contributo di un peso,( moneda nacional ) per il vidatox, e si il vigman costa 26 moneda nacional cioe un dollaro americano , meno di un euro. diremmo che e gratis a mio parere…visto anche l’impiego del personale che devono sostenere per attendere le richieste.

  6. per favore,se ce qualcuno,che ha esperienza del trattamento an-
    che sul tumore dell esofago, mi potrebbe far sapere qualcosa in merito?Purtroppo la situazione e disperata.Sono venuta a cono- sicenza della cura solo pochi giorni fa.
    Saro grata a chi mi vorra dare informazioni piu dettagliate
    La cura dovrebbe essere portata a conoscenza di molte altre persone.Perche anche la speranza e gia di per se una cura.

    Grazie a tutti

  7. E’ possbile poter leggere un articolo in merito in italiano?
    Vi ringrazio. Sergio

  8. a Luca Macuglia

    che la labiofam richieda questi piccoli finanziamenti non è assolutamente un problema, quello che non capisco è che ci sono delle testimonianze contrastanti come quella qui soora, che sebbene coincida proprio con i giorni in cui sono andata io, dice cose molto differenti,è questo che non capisco

  9. Noi verifichiamo le testimonianze dietro comprova documentale e così gli stessi contenuti. Abbiamo anche detto, più volte, che coloro che vogliono collaborare all’informazione possono farlo in ogni momento. Quindi le 4 testimonianze provengono da persone che in prima linea si sono messe a disposizione per chiarimenti. Le informazioni qui riportare sono pertanto da considerarsi vere e precise a tutti gli effetti.

  10. La giornalista italiana che scrive per il giornale cubano “Granma International” ci ha chiesto di diffondere questo comunicato:

    Per chi va alla Labiofam :

    Chi viene a prendere il Vidatox deve portare la fotocopia del passaporto;

    Deve portare l’ultima diagnosi del paziente con una minima storia clinica (possibilmente tradotta in spagnolo o in inglese) comunque va portata anche se non c’è traduzione;

    Deve portare con sè l’equivalente di 10 CUC in moneta nazionale. Il Vidatox si paga 1 peso nazionale a flacone ( un 24% di dollaro per l’involucro). Se ilmedico decide di dare una terapia intensiva con il Vimang liquido e le capsule di Noni come complementi, si devono pagare 10 pesos nazionali per ogni bottiglia di Vimang e 8 pesos per le capsule di Noni.
    Il tratamento che danno dura tre mesi e se è completo dei tre prodotti antiinfammatori e anti tumorali costa: 8 pesos per il vidatox più 50 pesos per il Vimang e 24 pesos per il Noni. Non ci sono posti di cambio vicini alla fabbrica Labiofam e non si accettano le monete forti.

    La Redazione di ThisIsCuba.net

  11. Per quanto possa servire, confermo quanto affermato dalla direzione, e tutto giusto e preciso, parlo per esperienza diretta, quello in cui magari si fa piu confusione e la doppia valuta in uso a Cuba, pero basta ragionare un attimo e la difficolta si supera..

  12. Ho a disposizione, purtroppo, Vidatox, cell. 339/4678069.

  13. rivolgo questo messaggio a tutti quelli che fanno uso del medicinale, sarebbe bello poter condividere i risultati, buoni o brutti che siano, per poter confrontarsi sul tema e vedere effettivamente quanto e valido il sistema. questo per non dare false speranze a chi magari e arrivato troppo tardi per combattere il male, ho chi magari crede che possano esserci delle contro indicazioni.
    Dunque penso che per tutti sarebbe utile mettere a disposizione di tutti la situazione attuale mantenendola aggiornata. Penso che cio sara utile alle persone in problema e che non sanno come fare. GRAZIE

  14. Pienamente d’accordo con Luca. Io sto prendendo vidatox e vimang da 20 giorni, premetto che non ho una problematica tumorale ma ho, si fa per dire, un morbo osseo che mi ha distrutto tre vertebre quindi ho i miei problemi. Trattasi di morbo di “Paget” a livello spinale. Non so se sia il vidatox o il vimang ma, da quando assumo i due “farmaci” sto maledettamente bene, non ho dolori e la pressione che prima era ballerina si è stabilizzata benissimo. Se la cosa continua… è veramente importante assumere questi prodotti ma, bisogna ricordarsi che non ho un male a termine quindi non voglio creare false speranze. Essendo che frequento Cuba due/tre volte l’anno ho recuperato la cura anche per altre persone che però non mi hanno ancora aggiornato sull’andamento del trattamento, cercherò di farmi dare notizie e quando le avrò le pubblicherò.

  15. novita..mia madre ha un amico i 79 anni che da 2 anni e malato di CALCINOMA PROSTATICO NON DEFINITO E NON OPERABILE, sta prendendo una serie di pastiglie e punture, di cui forniro il nome piu avanti, questa mattina avendolo visto piu giu di morale del solito l’ho convinto anzi l’ho abbiamo, a prendere gia da oggi il Vidatox, della scorta di mia mamma, per cominciare 5 gocce 3 volte al giorno e le abbiamo dato anche una confezione di Noni, purtroppo il vigman non ho potuto per mancanza di prodotto, comunque vediamo gli effetti, sicuramente male non le farà, visto il suo stato attuale, siamo fiduciosi e anche lui visto il cambiamento che ha visto in mia madre…..speriamo bene

  16. Se c’è qualcuno che deve partire per Ojo de Agua per prendere vidatox e ha ancora la possibilità di portare una cartella clinica, potrebbe gentilmente contattarmi? 346/3722590 mia madre sta per terminare il flacone di vidatox e spero di trovare una persona che me lo possa procurare.
    In autunno partiro’ io e ricambiero’ il favore.
    Grazie.

  17. Ciao vorrei sapere se c’è qualcuno che sta per partire per cuba e ha la possibilità di portare una cartella ancora …mia mamma è ricoverata ma spero di poter ricambiare io il favore …contattatemi su info@frantoioarmato.it. Grazie Alessandra

  18. Salve sono tornato ieri l’altro da Cuba.
    L’indirizzo è sempre quello, Calle 100y Ojo de Agua, Municipio Arrojo Naranjo dal lunedì al giovedì (7.30-13), la ditta non è la Labiofam ma adesso si chiama Vimang, anche se però sulle confezioni c’è sempre il logo Labiofam.
    Così come il medicamento omeopatico non si chiama Vitadox ma TRJ-C30 e quando si parla con la Dottoressa comunque viene chiamato Escoazul!
    Noi siamo arrivati verso le 5.30 del mattino, c’era solo un’altra persona di Roma con un suo amico che si sta aposando lì (anzi si è sposto proprio oggi!!)
    Alle 7.30 aprono i cancelli e ci sediamo dentro.
    Ci viene detto che i Cubani, che hanno preso l’appuntamento da mesi, hanno la precedenza.
    Quindi ci dividono in due gruppi: i sudamericani da un lato e gli italiani dall’altro.
    Quindi verso le 8.30 hanno cominciato a chiamare uno di un gruppo e poi uno di un’altro.
    Dopodichè alla reception per la consegna dell’Escoazul e poi coda CHILOMETRICA alla farmacia, accanto agli ambulatori della CONSULTA.
    A mia moglie hanno dato 4 confezioni di Escoazul, 3 di Vimang e 3 di Vimang crema.
    Dovrebbe durare circa 4 mesi, dopochè vuole rivederla con la RM e/o Scinti aggiornata.
    Se non si hanno esami aggiornati ( perchè per esempio i tuoi oncologi lo prevedono dopo 5 mesi) meglio interrompere ed andare con gli esami freschi, dal momento che l’evoluzione o involuzione della malattia determina la quantità della cura ( p.e. a mia moglie 5 gocce 3 volte al giorno, ad altri 2 volte al giorno).
    Il costo dello Escoazul è di 1 Peso Cubano.
    MA IN MONETA NAZIONALE, NON CUC O PESO CONVERTIBILE.
    Procurateveli prima perchè lì non ve li cambia nessuno, o quanto meno, se ve li cambiano, al posto di 24 pesos per CUC ve ne danno 20, anche se la differenza è irrisoria.
    Il Vimang costa 26 Pesos, sempre in MN (Moneda Nacional), la crema Vimang invece 8.75 Pesos MN .
    Contrattate con il tassista all’inizio, a noi hanno preso 15 CUC a persona ( 11.5 €), mentre poi ci hanno dato un passaggio dei ragazzi con quelle macchine DATATE!!! per 6 CUC !!!
    E ricordatevi di contrattare il prezzo totele, se vi dicono 10 CUC domandate ” Por Todos?” senno’ ve ne prendono 10 a testa!
    Quando andate se avete biro, sapone, magliette, zainetti etc. vecchi o che volote gettare o che non vi servono più portateli, ve li chiederanno come il pane anche con il baratto con i loro souvenir!
    Noi siamo andati in tre scuole a portare dalla carta , alle biro, pennarelli, lapis etc. e ci hanno fatto stringere i cuore.
    Il popolo cubano è un popolo schiacciato dall’embargo, ma ha un cuore enorme, non vi chiedeono mai soldi ( anche perchè i controlli di polizia sono stretti e capillari, lì ci sono veramente i poliziotti di quartiere!), casomai una maglietta o il sapone per i loro figli.
    E se ti trovi ad avere bisogno di qualcosa, se lo tolgono di tasca e te lo offrono “toma, toma” e come fai a non contraccanbiare?
    Quel poco che hanno sono disposti a dividerlo conte!

  19. Per Mario poco più su:
    Non ti avevo ricontattato ma sono IO Quel Valter che ti aveva scritto sul tuo Blog!!!!!
    Per Luca Macuglia:
    Alla Vimang abbiamo trovato un signore di Lecce, che ha preso fino ad adesso questo medicamento, ma a Guantanamo, per suo padre, che aveva 5 metastasi ai pomoni e 1 alla prostata. Dopo 8 mesi le metastasi erano scomparse!!
    Poichè nel frattempo si è ACCASATO con una cubana, l’oncologo di suo padre, che evidentemente si è ricreduto sull’efficacia di questa “roba”, gli spedisce via fax le cartelle cliniche dei suoi pazienti e lui gli impacchetta il tutto e gli porta ( o spedisce non ho capito bene)in Italia l’Escoazul.

    Un’ aggiunta alla storia che ho scritto sopra, NON SERVE ASSOLUTAMENTE PORTARE LE TRADUZIONI!!!!!!!
    La dottoressa con cui abbiamo parlato ha studiato Italiano in Italia e vuole sercitarsi.
    Idem vale per i referti degli esami, qualcosa potrebbe essere stato tradotto male!
    Per la cronaca ha preso: La relazione dell’oncologa, una storia cronologica dei trattamenti effettuati (che avevo fatto io direttamente in spagnolo), i referti della ultima: TAC, esami ematici, scintigrafia e RM.
    E la cartelletta in cartone che gli conteneva!!!

  20. O gesù stasera non finisco mai!!!!!

    Per Vera , molto più su , che vuolse sapere psr il tumore dell’esofago:

    Abbiamo preso l’Escoazul anche per il padre di una nostra amica , operato due volte, l’ultima volta gli anno tolto anche le corde vocali..
    La cura è la stessa:
    5 gocce sottolinguali tre volte al di ( ai pasti principali) e 5ml di Vimang tre volte al dì.

    Le modalità di assunzione possono essere diverse, insieme a noi c’erano degli amici che erano li per la loro madre.
    A mia moglie la dottoressa con cui abbiamo parlato ha detto:
    sciaquarsi la bocca con acqua,
    dopo 15 minuti le 5 gocce di Escoazul sotto la lingua,
    dopo 15 minuti si puo mangiare e bere,
    dopo 1 ora dall’assunzione dell’escoazul 5ml di Vimang in acqua o succo,
    il tutto prima di : colazione, pranzo e cena.

    Ai nostri amici un’altra dottoressa ha detto:
    prendere 5 gocce di Escozul sotto la lingua,
    aspettare mezz’ora e poi si può mangiare e bere,
    dopo mezz’ora il Vimang.
    Però a sua madre solo la mattina a colazione e a cena.

    Penso che la quantità e le modalità di assunzione dipendano dall’ età di chi ha il problema e dalla gravità del problema.
    Mia moglie è stata operata di carcinoma della mammella,con svuotamento ascellare e già metastatizzata a due costole, dopo 8 mesi, 6 cicli di FEC100, 17 Zometa, Enantone e Tamoxifene, si è spanto ad: un’altra costola, le creste iliache, la testa del femoresx, il femore dx e la 1° vertebra sacrale.
    Via il Tam esostituito dal Femara + Radioterapia i femori, 1°sacrale e creste iliache.
    Mia moglie ha 46 anni, e abbiamo una figlia di 16.

  21. Grazie Valter,e confermo quanto scrivi, e tutto molto preciso, penso che verso fine aprile torno a Cuba con i nuovi esami.

  22. Ciao Valter, sono contento che il viaggio si è svolto positivamente, ora speriamo che la cura dia un risultato positivo e sicuramente l’ho darà!!! Io ritorno a Cuba in Luglio se hai per quel periodo necessità, puoi contare su di me. sto assumendo, per il mio “Paget” Vidatox 5 gocce al mattino e 5 alla sera più due volte al dì una cucchiaiata di Vimang, sarà autosuggestione o altro, ma sta di fatto che sto molto meglio con i dolori e mi si è regolarizzata la pressione… un abbraccio, Mario.

  23. Finalmente ho i risultati della RMN di mia moglie…FUNZIONA!!!!!…. sono stato a gennaio a ritirare il farmaco grazie soprattutto alle informazioni reperite su questo sito. Adesso dopo tre mesi di assunzione ed avendo fatto il controllo posso dire che si è avuto un netto miglioramento. Carcinoma della mammella con metastasi ossee già operato… le ossa sembra si stiano ricostruendo… P.S. tutto vero quello scritto sui cubani… gente meravigliosa

  24. ho appena saputa che la persona che doveva portarmi il vidatox ha avuto problemi in aereoporto a parigi. gli hanno fatto passare il prodotto velocemente allo scanner. la mia paura è che abbia perso le sue proprietà! qualcuno può aiutarmi a capire se è così? grazie

  25. Manu..da quello che mi risulta basta solo agitare molto bene il prodotto prima di usarlo…

  26. Buonasera,sono un signore che abito in provincia di Alessandria Italia ho mio padre da due anni circa con affetto di Carcinoma Neuroendocrino postatico con metastesi oseee ec on lesione epatiche,chiedo di darmi dei consigli per andare ad Havana prresso la labiofam, se potrebbe essere guaribile il caso di mio padre con il veleno scorpione azzurro,come comportarmi per affrontare un viaggio in aereo grazie saluti

  27. Nicola nessuno può dirti se funziona ma posso e sicuramente potranno dirti che provare non fa male, si possono solo spendere soldi e comunque se poi migliora la vita tutto il resto non conta, se vuoi avere info su come andare a Cuba è semplice: basta che mi mandi una mail e ti risponderò in privato . pumario@gmail.com Mario

  28. aggiornamento: mio padre assume il farmaco dal 14 febbraio. fino a due settimane fa continuava ad avvertire i dolori della malattia, tant’è che mi ero scoraggiata,credendo che questo farmaco fosse solo un’illusione, invece da due settimane a questa parte non ha piu dolori!!!
    non so se sia una questione psicologica, se sia grazie alla chemio o grazie a questo farmaco o alle due cose insieme… pero’ sta meglio! considerato che sullo stesso flacone c’è scritto che per i primi risultati ci vogliono almeno 30 giorni… cosi’ è stato.
    speriamo che continui cosi’, anche se bisognera’ vedere i prossimi esami, solo cosi si potra’ vedere se la malattia è ferma o va avanti. speriamo

  29. PS. per manu, anche un mio amico a parigi gli hanno fatto passare il farmaco sotto il metal detector, ha chiamato la labiofam e gli hanno detto di agitare molto forte il flacone per circa 40 volte ed è tutto ok

  30. Ciao. Ho in programma viaggio a cuba inizio maggio.Qualcuno sa dirmi quanto tempo ci vuole x procurarsi il farmaco?
    Se qualcuno parte da milano stesso periodo, si metta in contatto al num 347 4455131.
    Grazie! Sonia.

  31. Ciao SONIA sono nicola io parto il giorno 1 Mggio da Malpensa per Havana alle ore 10:15 ha prendere escozul ma tu in quale città abiti

  32. Buonasera,mi sa dire se qualcuno con la patologia che si trova mio padre carcinoma postatico neuroendocrino con metastesi osee se con questo escozul ci sono state dei progressi verso la guarigione grazie

  33. ciao Nicola. Abito ad Alessandria. Prox sett. prenoto volo e soggiorno.
    partirò il 30 o il 1 maggio.

  34. Ciao a tutti. Io sn tornata dall’havana il 2 aprile ed oggi è 1 settimana che mia mamma prende il TRJ-C30 associato all’antiossidante vimang tre volte al giorno.Purtroppo non ho ancora visto risultati :(( Lei sta usando solo l’escozul, perchè a marzo i medici ci hanno detto che avevano fatto tutte le chemio a dispozione e quindi nn c’era più niente da fare. Ho chiesto per il veleno ma loro mi hanno detto che nn ne valeva la pena. Io ci ho voluto provare lo stesso, spero in risultati positivi. Cmq io il medicamento l’ho preso subito, sn arrivata lì alle 6, ero la seconda italiana, alle 8 hanno aperto i cancelli ho aspettato il mio turno e già alle 9.30 avevo già fatto tutto. Per quanto riguarda la documentazione nn c’è bisogno della traduzione.

  35. Salve!
    Riporto quanto ho pubblicato qualche giorno fa sul forum ” Barrio de Cuba”

    Ho trovato questo forum facendo ricerca bibliografica sul farmaco Vidatox Trj-C30 distribuito a Cuba gratuitamente dai laboratori LABIOFAM.
    Premetto che sono un medico e mi sono interessato alla questione dopo che un conoscente della mia famiglia ha assunto questo farmaco a partire dalla fine del 2010, ottenendo ad oggi risultati inaspettati.

    Parliamo di un paziente al quale era stato diagnosticato un adenoca gastrico nel 2006 e per tale motivo sottoposto a resezione gastrica parziale, successivamente aveva effettuato pochissimi (2 o 3) cicli di chemio, ma comunque questa terapia era stata interrotta volontariamente dalla persona in questione per intolleranza verso gli effetti secondari.
    Dopo non ha effettuato alcun follow-up oncologico fino al 2010, quando si è manifestato un ittero (colorazione gialla delle sclere e della cute, per chi non lo sapesse). I conseguenti controlli TAC e TC/PET hanno riscontrato uno stato di malattia molto avanzata, vi era una massa addominale che interessava il moncone gastrico residuo, il duodeno, la testa del pancreas ed il coledoco tanto da determinare ittero ostruttivo, vi erano inoltre diverse lesioni secondarie polmonari.
    Fu sottoposto ad intervento di laparotomia a fini palliativi per risolvere la colestasi e quindi fu fatto il riscontro operatorio della massa addominale che, a giudizio del chirurgo, non era assolutamente resecabile.

    Dopo è stato impostato un trattamento citostatico anch’esso interrotto dopo due cicli per volontà del paziente.
    I suoi familiari, considerato lo stato della malattia, erano già preparati al peggio e dopo l’interruzione della CT , iniziarono a somministrargli il Vidatox (5 gocce sublinguali 2 volte al dì).
    Io non ero a conoscenza di questo farmaco e quando seppi di questo tentativo ero profondamente scettico, mi sembrava un tentativo un po’ alla disperata.
    In realtà, qualche settimana fa ha effettuato una ristadiazione mediante TAC e TC/PET che hanno mostrato la risoluzione della massa addominale e ad oggi residua un’unica lesione secondaria polmonare provocando l’incredulità del chirurgo che era intervenuto 6 mesi fa e dell’oncologo che lo segue (parliamo di un’ importante struttura milanese).
    Attualmente ha in programma una radioterapia stereotassica sull’unica lesione polmonare residua.

    Il paziente oggi svolge una vita normale e non assume altre terapie, se non il Vidatox sublinguale ed il Vimang.

    Io ero estremamente dubbioso se parlare di questa vicenda per non ingenerare false speranze, però non posso negare che l’unica persona a mia conoscenza che assume questo Vidatox, ha ottenuto un risultato che è difficilmente attribuibile ai soli due cicli di CT dopo l’intervento chirurgico.

    Il chirurgo è talmente incredulo che vorrebbe effettuare una laparoscopia per vedere cosa sia effettivamente rimasto in addome…

    Io ho inteso soltanto effettuare un case report, non posso affermare che il risultato ottenuto sia da attribuire esclusivamente al Vidatox.

    In cuor mio, dopo aver saputo di questa persona, non mi sentirei di trascurare il Vidatox, considerato anche gli scarsi effetti secondari di questo farmaco, fermo restando l’adesione agli schemi di terapia classici (chemio/radio/chirurgia).
    Da quello che leggo in rete da fonte LABIOFAM sembra che la tossina potenzi gli effetti dei farmaci citostatici “tradizionali” come il 5-FU.
    Ho letto, inoltre, di buoni risultati conseguiti su pazienti dell’ospedale Grassi di Ostia che hanno assunto Vidatox.

    Vedremo gli esiti dei prossimi controlli radiologici …

  36. danyi ancora è presto per avere risultati, servono almeno 30-40 giorni, almeno cosi’ è scritto del farmaco, e cosi è statoo per mio padre

  37. si Danyi, mia mamma e come la tua, non ha altra cura al di fuori del Vidatox perche oramai terminale, pero ce voluto del tempo x i risultati. e direi che a oggi sono buoni..la settimana entrante comincia con il ciclo degli esami. cosi ci saranno delle conferme o meno sull’efficaccia del prodotto per lo meno nel suo caso…

  38. Anche la malattia di mia mamma è partita dal colon, dopo è stata operata a delle lesioni al fegato e poi successivamente ha avuto altre metastasi sparse.Io spero che anche mia mamma possa avere dei buoni risultati. In questi giorni lei dice che con le gocce i dolori nn passano. Io nn so se posso dare qualcos’altro, anche perchè la dottoressa di Cuba mi ha detto di non dare il toradol.

  39. Mi rivolgo a “lapogianni”, grazie della tua testimonianza.
    E’ da mesi che seguo l’evoluzione del farmaco senza trovare sul Web effettivi riscontri positivi e benefici reali, finalmente dati di fatto.
    Avrei l’esigenza, anche se attualmente non immediata di procurare per un mio familiare delle dosi di escozil, per cui vorrei prendere contatti diretti con qualcuno (siciliano) che è in procinto per la partenza per cuba per poter prendere accordi grazie.
    lomtany@libero.it

  40. c’è qualcuno che partirà per cuba da torino e vorrà contattarmi per favore a questo numero?3807394364 grazie

  41. Ciao Sonia io parto il giorno 01 Maggio da Malpensa con mio fratello alle ore 10:30 probabilmente ci incontreremo comunque io vado ad pernottare ad AAvana mia imel nicolapeco@hotmail.it

  42. Ciao Sonia se hai probblemi per raggiungere Malpensa fammelo sapere che io vado in macchina e la lascio parcheggio Malpensa tutta la settimana

  43. @ Paolo
    Di riscontri positivi in rete ve ne sono diversi e alcuni appaiono piuttosto circostanziati e credibili. , ma ne ho letti alcuni anche su questo sito.

    Se non avessi visto/saputo di questo conoscente non mi sarei proprio posto il problema di informarmi del Vidatox.

    Ero estremamente scettico quando seppi che questa persona aveva iniziato ad assumerlo, onestamente non riponevo nessuna fiducia in questa cura.

    Parliamo di una persona che era in una condizione reputata terminale ad agosto 2010, adesso va in giro e fa una vita normale.
    I risultati sono avallati da esami strumentali “seri” come TAC e TC/PET, non parliamo di favole e/o impressioni cliniche. C’è un chirurgo che è ancora incredulo davanti a questi esami.

    Il paziente oggi assume soltanto il Vidatox TRJ-C30 ed il Vimang.
    E’ chiaro che come ho già scritto, una rondine non fa primavera.
    Non voglio assolutamente ingenerare false speranze, come medico ho la tendenza ad essere scettico di fronte ad un farmaco che non è stato ancora studiato/testato approfonditamente.
    Vorrei ricordare a chi non lo sapesse che la sperimentazione ufficiale di un nuovo farmaco può impiegare anche oltre 10 anni di lavoro, a volte anche senza esito positivo, perchè la molecola in questione viene abbandonata per la presenza di effetti secondari intollerabili o perchè semplicemente non funziona.
    Aggiungo, d’altra parte, anche che la storia della medicina è ricca di farmaci ricavati da fonti naturali scoperti casualmente e di cui la “scienza ufficiale”, almeno inizialmente, aveva dubitato della loro utilità, non sviluppandoli adeguatamente.
    Per esempio negli anni ’30 -’40 chi si sarebbe aspettato che dalla muffa (penicillum) si sarebbe ricavato un farmaco che ha salvato miliardi di persone nel mondo ? Se non ci fosse stata l’accelerazione dovuta allo sforzo bellico americano durante la seconda guerra mondiale, ci sarebbero voluti tantissimi anni in più per avere la penicillina e gli altri antibiotici come li conosciamo oggi…

    Ritornando al Vidatox, in base ai lavori scientifici pubblicati da LABIOFAM sulla propria rivista, ma non (ancora) su riviste internazionali, gli effetti antitumorali della tossina dello scorpione Rhopalurus Junceus sono ben evidenti su linee cellulari di carcinomi ed adenocarcinomi (in vitro) ed anche in animali da esperimento (in vivo), bisogna adesso valutare bene gli effetti nell’uomo e la cosa chiaramente si complica.
    E’ noto da decenni che le tossine animali abbiano un’azione farmacologica, in particolare la tossina dello scorpione blu cubano dovrebbe avere un’azione selettiva su linee di cellule tumorali (tumori solidi epiteliali)
    Invece non è attiva su neoplasie ematiche(linfomi/leucemie)
    Penso che sia fondamentale approfondire lo studio e valutare quando e come può effettivamente essere utile questo farmaco con la massima apertura mentale…
    Come indicato anche dai medici cubani non bisogna affatto abbandonare le terapie farmacologiche “convenzionali”.
    Io continuerò a seguire gli sviluppi futuri. A presto

  44. Sono felice di leggere la testimonianza di lapogianni.. anche io come ho scritto in precedenza ho rilevato risultati positivi per mia moglie, anche se non so se attribuirli alla chemio in corso (vinorelbina + capecitabina orali) o all’escozul.. però il referto della RMN dice “le lesioni che presentavano porzioni di tipo misto o evidenti lesioni attive dimostrano una evidente e cospicua evoluzione addensante quasi completa…quindi….
    A maggio torno per altri flaconi di escozul

  45. Salve,
    innanzitutto un ringraziamento particolare a tutti coloro che con le loro esperienze aiutano quelli che come me devono affrontare qst viaggio con più informazioni possibili,infatti ho scoperto solo ora che bisogna pagare il medicamento, oppure il costo approssimativo del taxi…
    Io partirò x l’Havana il 25 aprile da Roma x mia suocera malata al pancreas,se a qlcuno può servire il mio aiuto o che parte lo stesso giorno può scrivermi a: fantomask31@yahoo.it

  46. ciao ragazzi,mi sono appena iscritto in questo sito perchè anche mia mamma è colpita da questa terribile malattia e sta combattendo da anni .la chemio non ha portato i risultati sperati quindi vorrei tentare la strada con escozul. mi sono deciso di partire per cuba il 21 maggio quindi avrei bisogno di voi di qualsiasi consglio utile.un dubbio è:
    ci sono problemi in aereoporto con il farmaco?
    sono luca e potete contattarmi anche alla mia email:luca.tir@alice.it.

  47. scusate,ho trovato delle incongruenze tra il racconto di Luca S e Valter sui pesos cubani, vorrei sapere approsimatamente il costo effettivo dei vari farmaci x poter cambiare solamente una cifra adeguata e non trovarmi in difficoltà con i CUC. Grazie

  48. Stiamo perlando di qualche centesimo di dollaro in più o in meno…cambia qualche dollaro in più e semmai il resto lo lasci di mancia, non credi? Ciao

  49. Allora io sn stata lì il 27 aprile ed ho pagato 1 peso cubano a flacone, per mia mamma me ne hanno dati 4, ed ho pagato l’antiossidante vimang 26 pesos cubani a bottiglia. Noi abbiamo chiesto al poliziotto davanti ai cancelli dove c’è il consultorio, gli abbiamo dato 5 euro e lui ci ha dato 100 pesos cubani. Prova anche tu.. Cmq oggi sn 13 gg che mia mamma prende il veleno, ma ancora ahimè nn ci sono novità. Non gli calma nemmeno i dolori, sto continuando a darle il veleno come mi hanno detto e quando iniziano i dolori le gocce di toradol.

  50. ciao Nicola. Confermato anche x me partenza 1 maggio da malpensa. se ti è possibile contattami al 347 4455131 così ci accordiamo x viaggio. Grazie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *